Grecia: (finti) profughi occupano terreni agricoli e bloccano l’autostrada

 

In Grecia gruppi di sedicenti profughi hanno bloccato un’autostrada nei pressi di Idomeni piazzando le loro tende sulle corsie. Decine di persone hanno protestato così contro la prospettiva del loro respingimento verso la Turchia, previsto dall’accordo tra Ankara e l’Unione europea.

profughi-grecia2

Lo stallo nella situazione irrita anche molti abitanti della zona intorno a Idomeni. Cittadini greci hanno protestato sabato mattina contro la permanenza di accampamenti sui terreni agricoli.

“Per gli agricoltori locali, è il periodo in cui cresce il grano” spiega Xanthoula Soupli, sindaco di Idomeni “ma non possono coltivare le loro terre perché sopra ci sono tende e persone. Tra un po’ ci ritroveremo con un problema di sopravvivenza.”

Proteste anche in Turchia, a Dikili, contro il ritorno dei migranti. I primi rifugiati respinti dovrebbero arrivare questo lunedì da Lesbo. Ankara esclude di deportarli in Siria e li identificherà all’interno di due “campi di riammissione”, già condannati da Amnesty International, prima di smistarli verso altre strutture, che però al momento non sono pronte. EURONEWS

profughi-grecia1

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -