Germania, proteste dei nazionalisti turchi: “Con l’aiuto di Allah vi conquisteremo”

 

 

I nazionalisti turchi in Germania: “Con l’aiuto di Allah, vi conquisteremo”

Sabato scorso centinaia di turchi nazionalisti in Germania si sono radunati a Duisburg contro il Partito dei Lavoratori curdo (PKK) e per la sovranità nazionale turca e la sicurezza.
La loro intenzione è la creazione di un “impero pan-turco”, unificando tutti i membri del popolo turco sotto un’unica bandiera e l’eliminazione di tutte le forze nemiche. I loro nemici sono curdi, ebrei, sionisti, cristiani, armeni, greci, omosessuali, persiani, liberali e comunisti, che sono, idealmente, da estirpare.

La filiale tedesca dei Lupi grigi è la “Federazione turca”, che è membro della “Federazione europea delle organizzazioni turche idealiste democratiche”. Essi sono anche membri della “Unione delle organizzazioni turche culturali in Europa” (ATB), che operano legalmente e sono classificate come “idealiste”.

Secondo la legge tedesca, qualsiasi accenno al fascismo o ultra-nazionalismo e qualsiasi organizzazione che manifesti tali ideologie è monitorata dall’ “Ufficio federale per la protezione della Costituzione” ed è fuori legge.
Siccome questa manifestazione è stata effettuta senza alcun disturbo da parte delle Forze dell’Ordine, se ne deduce che il nazionalismo è consentito solo agli immigrati. Questo spiega la completa mancanza di indignazione dei media.
Durante la protesta i musulmani nazionalisti hanno cantato “Allah è grande” e, secondo quanto riferito, “Abbiamo ricostruito la Germania” e “Con l’aiuto di Dio noi vinceremo”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -