Grecia: a Idomeni 11.000 (finti) profughi rifiutano il trasferimento in altri campi

 

Più di 11.000 rifugiati e migranti restano accampati a Idomeni, al confine greco-macedone, nel timore che, accettando un ricollocamento in uno dei centri messi a disposizione dal governo di Atene, rischierebbero di essere inviati nuovamente in Turchia.

profughi

Negli ultimi giorni, molti sono rimasti vittime di voci incontrollate circa l’apertura di accessi alternativi sulla cosidetta rotta balcanica verso il nord Europa. “Vogliamo sapere chi pubblica roba come questa”, afferma un presunto profugo, mostrando un volantino in arabo dove si consiglia ai migranti di passare attraverso l’Albania. “Se questa non è una fonte credibile, a chi dobbiamo credere? Viviamo in una prigione a cielo aperto da cui non possiamo uscire”.

Da venerdì scorso, appena un migliaio di persone hanno accettato il trasferimento nei campi di accoglienza allestiti dalle autorità greche. E alcuni di loro sono poi tornati a Idomeni.

“L’altro campo è sorvegliato dai militari, c’erano soldati dappertutto – racconta Inas, originaria di Damasco – là ci sentivamo confinati, non eravamo liberi di muoverci. Per uscire, servivano permessi e altre complicazioni burocratiche”.

Dall’entrata in vigore dell’accordo con la Turchia sul rinvio sistematico dei nuovi arrivati, il flusso di migranti sbarcati sulle isole greche si è ridotto: appena 230 tra domenica e lunedì e poco più di 1.300 nell’ultima settimana. EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -