Belgio: tassista riconosce il terrorista, la magistratura invece lo libera

 

Incriminato, con tutti i capi d’accusa a suo carico confermati. Ma a piede libero. In Belgio gli investigatori contestano al giornalista indipendente Faysal Cheffou gravi reati: partecipazione ad attività terroristiche, omicidio e tentato omicidio terrorista. Ma le prove raccolte finora, e i riscontri effettuati sul video dove si pensava che l’uomo apparisse assieme ai fratelli kamikaze al Bakroui, all’interno dell’aeroporto di Zaventem, non sono sufficienti a confermarne il fermo, malgrado fosse stato riconosciuto dal tassista durante un «confronto all’americana» .

“I sospetti non sono stati confortati dall’inchiesta”, questa la ragione ufficiale del rilascio di Cheffou che non si è voluto sottoporre alla prova del Dna né ha voluto collaborare con gli inquirenti. Tra molte perplessità le indagini proseguono.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -