Francia, Valls: “il traffico di droga si combina con l’islamismo radicale”

radicalizzazione e narcotraffico

Ospite di una trasmissione radiofonica il premier francese Manuel Valls ha richiamato l’attenzione sul terreno di coltura interno del terrorismo, nelle società europee.

Abbiamo chiuso gli occhi in Europa e in Francia sulla progressione delle idee estremiste, del salafismo, in quei quartieri in cui il traffico di droga si combina con l’islamismo radicale pervertendo una parte dei giovani.

Isis guadagna 1 miliardo all’anno smerciando eroina proveniente dall’Afghanistan

vogliono distruggere quello che noi siamo

E il primo ministro francese aggiunge:

È un’altra guerra perché il terrorismo, questo terrorismo dello Stato islamico vuole distruggerci, vuole annientare degli uomini e delle donne, lo abbiamo visto, vuole distruggere quello che noi siamo, il nostro modo di vivere. Gli attentati di Parigi, come quelli di Bruxelles, colpiscono in modo indiscriminato, quello che noi siamo, le persone che siedono a un caffè, che prendono l’aereo o la metripolitana.

Alla Gare Saint Lazare, una delle stazioni più importanti di Parigi, i commenti dei passanti sono quasi rassegnati:

Sfortunatamente – dice un uomo – dovremo fare i conti con tutto questo nella vita di ogni giorno.

E un altro aggiunge:

Purtroppo penso che succederà ancora, non so dove, ma dobbiamo tutti restare vigili per scongiurare altri eventi del genere.

Le bandiere davanti all’Assemblée Nationale, il Parlamento francese, sono a mezz’asta, tanto più che si vanno confermando legami fra il commando che è entrato in azione a Bruxelles e quello che operò a Parigi.

Di Lilia Rotoloni – EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -