Arrestato a Sorrento un terrorista: “In contatto con jihadisti francesi e belgi”

 

Questa mattina è stato arrestato a Sorrento (Napoli) un cittadino iracheno accusato di essere in contatto con gli ambienti jihadisti francesi e belgi: le autorità della Francia e del Belgio lo stavano cercando.

Gli attacchi di Bruxelles si erano appena conclusi, quando Angelino Alfano ha preso la parola al Viminale durante la conferenza stampa che si è tenuta dopo la riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Il ministro degli Interni ha fatto sapere che proprio questa mattina a Sorrento è stato arrestato un presunto jihadista: su di lui era stato emesso un mandato di cattura europea.

Le autorità svizzere lo stavano cercando perché aveva commesso reati quali tentata aggressione, minacce, abusi sessuali e sequestro di persona. Ma anche i belgi e i francesi lo volevano con le manette ai polsi perché secondo i loro servizi segreti era in contatto con i terroristi del Belgio e della Francia. “Attualmente, sono ancora in corso accertamenti sulla sua rete di relazioni in Italia” – ha detto il ministro degli Interni durante la conferenza stampa.

Alfano ha spiegato ai giornalisti che il presunto terrorista Esan Azizn è stato trovato all’interno di una vettura mentre dormiva. L’auto era nascosta lungo una strada isolata di Sorrento. L’iracheno è stato portato in caserma e ha raccontato di fare “il mediatore immobiliare”: “Trovo appartamenti di lusso nella zona e li faccio affittare ad arabi molto ricchi”. Esan Azizn ora è in carcere in attesa dell’estradiazione. IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -