Comandante Vogel: migranti costretti a salire sui barconi con la forza

 

sbarchi-SOS-Mediterranee ROMA – Le operazioni di salvataggio della nave Aquarius in soccorso dei migranti nel Canale di Sicilia continueranno fino a dicembre di quest’anno. Ad annunciarlo a Redattore sociale, direttamente dalla cabina di comando del guardapesca di 77 metri salpato il 26 febbraio scorso da Lampedusa, è il comandante, Klaus Vogel, ex ammiraglio di marina, che ha dato vita in collaborazione con Medecins du monde, all’assiociazione umanitaria “SOS Mediterranee”

Ad oggi sono due gli interventi di soccorso che hanno visto la nave Aquarius coinvolta: 193 i migranti accolti a bordo, tra di loro anche due minori e due neonati. Il primo soccorso dieci giorni fa, ha raccontato Vogel. “Le condizioni dei migranti del primo soccorso erano critiche. Non solo per le cattive condizioni del mare, ma anche per la situazione in Libia. Sono traumatizzati, sono stati spintonati e anche feriti per farli salire sulla barca, nonostante le condizioni del mare. Nel secondo salvataggio le condizioni dei migranti erano un po’ migliori, ma anche loro erano molto spaventati perché letteralmente obbligati a fare la traversata”. Tra i migranti diverse le nazionalità di provenienza, ha spiegato il comandante, ma tutte dell’Africa subsahariana.

La tragedia voluta, da chi? Immigrati costretti a partire sotto la minaccia delle armi

Video – Libia, svuota carceri: polizia imbarca migranti sui barconi con la forza, gratis

Pozzallo: l’80-90% dei migranti sbarcati erano carcerati in Libia, casi di scabbia



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -