Eni: taglio degli investimenti e dismissioni per 7 miliardi

 

Eni si mette a dieta ferrea per far fronte al mini-greggio. Nel nuovo piano strategico 2016-2019 il gruppo guidato da Claudio Descalzi, che nella presentazione si è servito non solo delle consuete slide ma anche di video, ha annunciato un taglio degli investimenti del 21% a 37 miliardi, in ulteriore calo rispetto al taglio del 17% della strategy precedente e un nuovo piano di dismissioni per 7 miliardi di cui l’80% sarà realizzato nei prossimi 2 anni. Tra queste la vendita di Versalis a fine 2016, e quote nelle nuove scoperte, dunque Zhor (Eni: scoperto giacimento di gas «di rilevanza mondiale» al largo dell’Egitto) di cui Eni ha il 100% e il Mozambico con il 50% dell’area 4.

Descalzi ha però confermato il dividendo per il 2016 pari a 80 centesimi ad azione pagati tutti cash. Una cedola “sostenibile” ha spiegato l’ad e “base” per eventuali graduali aumenti, possibile grazie ai risparmi ma soprattutto alle dismissioni. Queste potrebbero anche aumentare rispetto al piano con l’aggiunta di quote della divisione Gas and Power e di quote di Saipem dopo il 12,5% venduto al Fondo strategico italiano.

La Borsa ha apprezzato il piano e il titolo Eni ha chiuso a +0,88% a fronte di un indice Ftse-Mib che ha terminato le contrattazioni sulla parità.La trasformazione di Eni, che come ha detto Descalzi “sta iniziando un nuovo ciclo”, la porta a concentrarsi sull’oil and gas, prevede anche un pesante taglio di costi: 6 miliardi tra tagli ai contratti in essere e riduzioni per 2,5 miliardi in spese amministrative e generali. L’obiettivo è creare un Eni “in grado di affrontare un periodo di prezzi bassi del petrolio continuando a creare valore”, con un greggio che oscilla tra i 36 e i 42 dollari. Del resto il break even dei nuovi progetti è stato fissato a 27 dollari al barile dai precedenti 45: dunque Eni nell’estrarre greggio non perderebbe denaro se il greggio arrivasse anche a toccare quota 27 dollari.

La copertura del piano di investimenti nel 2016 è fissata con il Brent a 50 dollari rispetto ai 63 usd del piano precedente. E a 60 dollari per il 2017 compresa la copertura del dividendo. La produzione è prevista in crescita di oltre il 3% annuo per un cumulato del 13%: Eni stima nuove scoperte per 1,6 miliardi di barili al costo di 2,3 dollari al barile.

Tra le dismissioni anche Versalis “non è strategica nella compagnia che Eni vuole essere”. Descalzi ha ricordato che Versalis è migliorata ma Eni ha “perso 7 miliardi” nell’azienda della chimica per la quale è stata selezionata, non da Eni ma per aver partecipato a una due diligence, Sk Capital con cui si dovrebbe chiudere “a fine 2016″. Nessuna novità invece né sul fronte libico che “resta un paese strategico” dove Eni produce 250mila barili a giorno e ha un grande potenziale sulle riserve”, né per l’Iran dove Eni non sta discutendo di nuovi contratti in attesa che siano presentate dal governo le nuove formule contrattuali. (askanews)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -