Attacco chimico dell’Isis a Kirkuk: centinaia di feriti e popolazione in fuga

Sono due gli attacchi compiuti con armi chimiche dai jihadisti dell’Isis vicino alla città curda di Kirkuk. Lo hanno reso noto fonti ufficiali del governo iracheno, confermando la morte di una bambina di 3 anni e precisando che le persone ferite o intossicate sono almeno 600 e che altre centinaia sono fuggite dalla zona contaminata. “Ciò che l’Isis ha fatto non resterà impunito”, hanno dichiarato le autorità.

isis-armi-chimiche

Fonti mediche e della sicurezza hanno spiegato che gli attacchi hanno colpito nello stesso luogo già preso di mira tre giorni fa con il lancio di razzi armati con testate chimiche.

Sameer Wais, la cui figlioletta Fatima è morta nell’attacco, è tra i combattenti sciiti che combattono contro i jihadisti nella provincia di Kirkuk. Quando sono cadute le bombe chimiche era di pattuglia, è tornato di corsa a casa, ha portato la piccola in ospedale e sembrava che Fatima si riprendesse. Poche ore dopo però il viso e gli occhi si sono gonfiati, la pelle ha cominciato a staccarsi: poi ha cessato di vivere.

Tra i ricoverati in ospedale – ha raccontato un’infermiera – molti soffrono per bruciature e infezioni, hanno sintomi di soffocamento e disidratazione. Otto persone, le più gravi, sono state trasferite a Baghdad. Le autorità di Taza hanno riferito che c’è “paura e panico tra le donne e i bambini” che chiedono al governo di Baghdad di aiutarli. La stessa fonte ha riferito che nella zona sono arrivati esperti tedeschi e americani per fare i test necessari ad accertare la presenza di agenti chimichi e definire con precisione di che cosa si tratti.

Iran invia equipe sanitaria – Anche l’Iran ha inviato un team di medici per curare le vittime degli attacchi chimici. Il ministro della sanità dell’Iran Hassan Qazizadeh Hashemi ha detto che la decisione è stata presa dopo una chiamata dell’omologo iracheno: l’obiettivo è fornire alla popolazione sevizi medici di emergenza. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -