Lorenzin: casi di tumore in aumento ma in Italia si guarisce. La prevenzione funziona

 

Per i prossimi anni, a livello globale, sono attesi circa 22 milioni di nuovi casi di tumore, con un trend in crescita, ma la buona notizia è che oggi ”si guarisce, anche in Italia, con percentuali insperabili fino a soli pochi anni fa”. E’ il messaggio lanciato oggi dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in occasione della presentazione della Settimana nazionale per la prevenzione oncologica, dal 13 al 21 marzo, promossa dalla Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt). Ed infatti, come ha sottolineato il presidente Lilt Francesco Schittulli, ”il tasso di guaribilità è passato dal 40% del 2000 al 61% attuale”.

Malata di cancro ha bisogno di Tac urgente: appuntamento nel 2017

Dagli anti-Parkinson ai farmaci per il cuore, introvabili 1.200 medicine

Sale operatorie tutte occupate: muore donna di 42 anni

Al Policlinico di Udine non ci saranno più le terapie del dolore

Il cancro oggi, ha affermato Lorenzin, ”non è più quella ‘bestia feroce’ che ci faceva paura e veniva chiamata ‘brutto male’ perchè non la si riusciva a chiamarla per nome tanto spaventava. Oggi, invece, si guarisce e non c’è più bisogno di fare viaggi della speranza all’estero”. Ed infatti, secondo le ultime stime, l’Italia è ai primi posti, con il 32%, per tassi di sopravvivenza a 5 anni in Europa, collocandosi prima di Francia (27%), Germania (31%), Spagna (27%) e Gran Bretagna (18%). Il ”nostro segreto – ha detto Lorenzin – è innanzitutto la ‘grande alleanza’ che abbiamo costruito contro il cancro, puntando all’allargamento della prevenzione in tutte le regioni.

Nel nuovo Piano prevenzione, infatti, abbiamo indicato alle regioni di dedicare il 5% della spesa proprio alla prevenzione”.

Fondamentale è poi la Ricerca: ”Stanno arrivando nuovi importanti farmaci che cambieranno l’approccio alle cure – ha sottolineato il ministro – ma la sfida è renderli accessibili a tutti garantendo la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale”. Sul fronte della Ricerca, ha concluso, ”l’Italia potrebbe fare molto di più, ma dobbiamo crederci e farne uno degli aspetti principali”. ANSA

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -