Vedova Failla: «Uno dei sequestratori mi chiamò e parlò in italiano»

 

«Ciao sono Salvo, i miei compagni li hanno portati via, io sono rimasto da solo e ho bisogno di cure mediche, ho bisogno di aiuto. Parla con giornali e tv, vedi di muovere tutto quello che puoi muovere».

Le drammatiche parole di Salvatore Failla, uno dei due ostaggi ucciso in Libia, risalgono al 13 ottobre quando i rapitori hanno fatto ascoltare a Rosalba, sua moglie, una registrazione del marito. Non era vera la separazione dagli altri tre ostaggi italiani, ma Rosalba rivela: «Uno dei sequestratori mi chiamò e parlò in italiano».

FAILLA

La figlia Erica, 23 anni, rincara la dose: «Non ci hanno aiutato a riportarlo a casa. Ci hanno detto di stare zitti, di non fare scalpore. Ci hanno detto di non rispondere alle domande dei rapitori. Abbiamo fatto quello che ci hanno chiesto, ma non è servito a nulla. Adesso è ancora in mano ai libici, lo Stato non lo ha tutelato nemmeno dopo morto?».

La vedova di Failla fa sapere a il Giornale «me lo hanno ucciso la seconda volta». La frase lapidaria riguarda l’autopsia eseguita a Tripoli, che la donna e il suo avvocato assolutamente non volevano temendo un inquinamento delle prove. E il rientro ad ostacoli del corpo del marito e di quello del suo collega, Fausto Piano, che non fa onore all’Italia. Per questo la vedova annunica di rifiutare i funerali di Stato.

Lo stesso ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni ha parlato «di modalità penose» dimostrando l’impotenza italiana nel caos libico. Le salme erano attese la scorsa notte a Ciampino.Ieri l’Unità di crisi della Farnesina ha continuato a rassicurare i familiari delle vittime su «un’ispezione esterna dei corpi», ma veniva smentita da Sidikj Al-Sour, responsabile delle inchieste della procura generale di Tripoli. «Non è un’autopsia superficiale ma completa per poter estrarre, se c’è, il proiettile dai corpi e determinare il tipo d’arma che ha causato il decesso» dichiarava all’agenzia di stampa Ansa.

Secondo la figlia di Failla «la Farnesina ha riferito che sono stati costretti a darli i corpi per l’autopsia perché hanno puntato le armi alla testa dei rappresentanti italiani che sono attualmente in Libia». I libici vogliono stabilire la modalità dell’«esecuzione», con tanto di colpo alla nuca, più volte annunciata dalle autorità locali puntando il dito contro i sequestratori. La sequenza fotografica, in possesso de il Giornale, dell’imboscata nel deserto del mini convoglio con gli ostaggi italiani, racconta una storia diversa. I corpi dei connazionali non mostrano alcun colpo alla nuca. Altrimenti i volti non sarebbero rimasti integri. Il cadavere di Failla è disteso a fianco di un fuoristrada blu con le portiere aperte. Finestrini, carrozzeria e parabrezza appaiono intatti. Se gli assalitori della katiba «Febbraio al Ajilat-2» avessero sparato subito dovrebbero esserci i segni evidenti di fori di proiettile o schegge di vetro.

L’impressione è che gli ostaggi ed i loro carcerieri a bordo del mezzo intatto fossero scesi per arrendersi, ma sono stati falciati lo stesso. I miliziani nelle prime ore sostenevano sulla loro pagina Facebook di aver ucciso «due jihadisti italiani» non immaginando a causa dei barboni lunghi, che fossero gli ostaggi. Il fuoristrada blu è stato dato alle fiamme dopo l’attacco, forse per cancellare le prove. Assieme ai corpi degli italiani sono stati trasferiti ieri a Tripoli i cadaveri dei miliziani jihadisti uccisi nello stesso convoglio. Sette tunisini compresa una donna, che potrebbe essere Madeeha Azima Mahmoud, moglie di Noureddine Chouchane, il terrorista vissuto in Italia e colpito dagli americani nel raid del 19 febbraio a Sabrata.[...]

Fausto Biloslavo   – -  IL GIORNALE

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -