Terrorismo, l’imam arrestato: non ho fatto nulla

 

imam somalo arrestato

imam somalo arrestato

CAMPOBASSO, 10 MAR – “Perché mi arrestano? Non ho fatto nulla, non ho ucciso nessuno”. Sono le parole pronunciate dal giovane somalo arrestato ieri a Campomarino perché, secondo gli investigatori, progettava un attentato a Roma. A riferire la sua reazione è l’avvocato Antonio Di Renzo, legale del 22enne, che lo ha incontrato, poco dopo l’arresto, in questura a Campobasso. Da due mesi tenuto sotto osservazione dalla polizia, ieri è stato fermato dagli agenti della Digos in un centro di accoglienza: il giovane, che per tutti era l’imam, istigava al terrorismo e cercava proseliti tra gli ospiti della struttura.

“Per lui l’arresto è una cosa fuori dal normale – spiega all’ANSA il legale – Io ho cercato di fargli capire che in Italia la giustizia va su un altro binario e che non necessariamente si deve uccidere qualcuno per essere arrestati. Lui non si capacitava del fatto che doveva andare in carcere. Quindi ora la mia funzione è soprattutto quella di fargli capire le tappe dell’iter giudiziario”. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -