Rapiti in Libia, Gentiloni: “Nessun riscatto pagato”

 

La vicenda “drammatica” del sequestro dei quattro tecnici italiani in Libia e della morte di due di loro “presenta molti punti oscuri”. E’ quanto ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, nell’informativa del governo sulla Libia in Senato. Che sottolinea: per loro “non è stato pagato alcun riscatto”. “Non risultava imminente la liberazione degli ostaggi né sono stati trovati passaporti di Daesh nel covo, la ricerca della verità è doverosa”, ha scandito.

“Non sono emersi elementi di riconducibilità a Daesh, non è mai giunta alcuna rivendicazione” per il sequestro dei nostri connazionali, ha quindi precisato Gentiloni, secondo cui “l’ipotesi più accreditata è di un gruppo criminale filoislamico operante tra Mellitah, Sabratha e Zuwara”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -