Pedofilia e stupri nel campo profughi di Calais

 

I medici volontari che aiutano chi soggiorna nella Giungla di Calais, in Francia, dicono di aver trattato sette ragazzi di età compresa tra i 14 e 16 negli ultimi sei mesi, i quali hanno affermato di essere stati vittime di stupro.

calais

Gli operatori sanitari hanno detto che tutti avevano ferite compatibili con le loro accuse.
Per quattro dei ragazzi sarebbe stato necessario un intervento chirurgico, ma solo uno di loro ha accettato di andare in ospedale. Gli altri tre hanno rifiutato il trattamento sia per paura di ripercussioni, ma anche perché si vergognavano di ammettere che erano stati abusati.

I volontari  temono ci sia un mercato del sesso all’interno del campo e hanno detto che ragazzi di età inferiore ai 13 anni hanno chiesto dei preservativi.
Uno dei volontari ha dichiarato: “Questi ragazzi hanno lasciato le loro case ed i loro genitori pensando di essere al sicuro e di andare verso a una vita migliore, in fuga dalla violenza, e invece finiscono con l’essere violentati in un campo profughi. Che questo stia  succedendo in Europa lo rende ancora più inaccettabile “.

I volontari dicono di aver provato a lanciare allarmi per la prevenzione di aggressioni sessuali, ma ciò si è dimostrato in gran parte inutile perché “non c’è nessuno a sentirli”.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -