Torino: 2000 allevatori protestano contro il prezzo del latte

 

8 marzo – 2000 agricoltori italiani sono scesi in piazza ieri a Torino per protestare contro il prezzo basso a cui il latte viene acquistato da rivenditori e imprese industriali.

Secondo i manifestanti, il prezzo a cui il latte viene acquistato dagli agricoltori è troppo basso e non produce entrate sufficienti per mantenere a galla le loro aziende agricole, mentre favorisce ingiustamente le imprese più grandi, tra cui le multinazionali. Negli ultimi dieci anni circa 25.000 aziende lattiero-casearie italiane hanno chiuso i battenti.

————————-

Sulla crisi dei mercati agricoli, in primis latte e carne di maiale, l’obiettivo è che al prossimo Consiglio dei ministri dell’agricoltura dei 28, il 14 febbraio, “almeno una decisione politica sul da farsi venga presa”. La conferma arriva da fonti comunitarie, secondo cui il rebus è ancora quello di capire quali sono le misure da prendere e, nel caso in cui servano nuovi finanziamenti, dove trovarli nell’ambito dello stesso bilancio Ue a disposizione. Si può sintetizzare così l’esito della riunione degli ambasciatori dei 28 oggi a Bruxelles, dopo che la presidenza di turno olandese ha avuto poco più di una settimana per raccogliere “un centinaio di proposte” arrivate dagli Stati membri dell’Ue alla fine di febbraio, inclusa l’Italia.

Fra le richieste più comuni tra i 28, quella di una maggiore chiarezza e flessibilità per gli aiuti di Stato, aumento dell’export e possibili nuovi soluzioni di accesso al credito della Banca europea di investimenti (Bei). L’Italia ha riproposto un sistema di tracciabilità per il settore lattiero-caseario, ipotesi che però per alcuni Paesi produttori include il rischio di ‘discriminazione’ in quei Paesi più inclini ad usare il prodotto nazionale. Nel frattempo la Commissione Ue, che da qui al Consiglio dei ministri dell’agricoltura consulterà il Parlamento e le associazioni dei produttori, ha anche annunciato la pubblicazione lunedì prossimo di un documento di scenario relativo al mercato agricolo, “che non appare positivo” riferiscono fonti Ue. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -