Somalo molesta tre donne e chiede al giudice le “attenuanti culturali”

 

Prima ha molestato diverse donne, quindi si è difeso in tribunale sostenendo che il suo retroterra culturale gli impedisce di distinguere il confine fra approccio e molestia sessuale. Il giudice però non gli ha creduto e così un trentaquattrenne somalo residente in Inghilterra dal 2011 è stato condannato a seguire un programma di rieducazione della durata di tre anni all’interno di una comunità.

VIOLENZA-SESS

La storia arriva da Torquay, città costiera dell’Inghilterra nel Devon: un immigrato del Corno d’Africa, Ali Abdullahi, è stato fermato per aver tentato di baciare una quindicenne alla stazione del treno e aver molestato altre due donne. Tuttavia, pur essendosi dichiarato responsabile del gesto, ha negato di aver commesso nulla di male, spiegando alla polizia che le motivazioni del suo gesto erano da ricercarsi nel suo retroterra culturale “conservatore”, che gli avrebbe impedito di ben comprendere i rapporti fra i sessi all’interno della cultura britannica.

Il giudice Graham Cottle, riferisce però Torquay Express, ha rifiutato di liquidare la questione giustificando le molestie come “differenza culturale” e ha condannato Abdullahi: il somalo dovrà seguire un corso di rieducazione che gli chiarisca le idee sui rapporti fra i sessi.  IL GIORNALE

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -