Bloomberg: l’euro non sta più in piedi, la Bce è finita in un vicolo cieco

 

Draghi-Mario

NEW YORK – La più importante agenzia finanziaria del mondo, Bloomberg, senza troppi giri di parole arriva la dunque: l’euro non funziona più, non sta più in piedi, e la Bce è finita in un vicolo cieco.

Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha tentato per anni di sostenere l’inflazione nell’eurozona, perlopiu’ senza successo. Coi tassi di riferimento bancari gia’ sotto lo zero, scrive Richard Jones su “Bloomberg”, il meeting politico dell’Eurotower in programma per giovedi’ non potra’ che partire da un rafforzamento del quantitative easing basato sul debito sovrano dei paesi periferici dell’euro, a partire dall’Italia.

Ma ha ancora senso procedere alla rinanimazione di un “paziente” che appare in tutta evidenza defunto?

Un ulteriore taglio ai tassi di deposito e’ gia’ dato per assodato dai mercati: la Bce, dunque, non ha scelta se non tentare qualcosa di drastico e inviso ai tutori del rigore: secondo Jones, la Banca centrale dovrebbe “non soltanto estendere l’acquisto di obbligazioni di almeno 10 miliardi di euro al mese (dagli attuali 60), ma anche orientare il programma di quantitative easing sul debito dei paesi periferici, come Spagna, Italia e Portogallo, a spese della Germania“.

Una via estema che rimarebbe l’unica con un senso, benchè politicamente avversata dalla Germania, azionista di maggioranza della Bce.

Questi paesi, sostiene l’economista, “hanno bisogno di un sostegno sul fronte dei tassi di rifinanziamento del debito”, specie dal 21 gennaio scorso, quando l’ultima decisione sui tassi da parte della Bce ha esibito diverse resistenze dei debiti sovrani nell’eurozona alle turbolenze globali.

I Paesi piu’ indebitati dell’eurozona, avverte l’autore dell’editoriale, hanno bisogno di molto ossigeno: la Spagna, ad esempio, quest’anno vedra’ giungere a maturazione titoli di debito sovrano per ben 140 miliardi di euro. Ovviamente, per sostenere maggiormente i paesi periferici la Bce dovrebbe rivedere la sua “capital key”, ovvero i criteri che sostanzialmente legano l’acquisto delle obbligazioni sovrane alle dimensioni delle rispettive economie.

Si tratta di un sistema “che ovviamente favorisce la Germania, prima economia dell’eurozona” per volume di pil. La Bce ha istituito questo criterio per non dare l’impressione di essere impegnata nel finanziamento monetario dei governi; l’ambiente globale, pero’, e’ cambiato in peggio, e quanto messo in campo dalla Bce – avverte Jones – non basta piu’ a dar prova della sua determinazione a tenere in piedi il progetto dell’euro.

Per Bloomberg, che è la più seguita e autorevole fonte di analisi e giudizio in tempo reale dei mercati finanziari. il progetto dell’euro quindi non sta più in piedi e la Bce per quanto faccia non riesce a supportarlo. E’ la prima volta che viene esplicitamente detto.

E’ chiaro che Bloomberg dia praticamente per scontato il rifiuto della Germania ad autorizzare il finanziamento diretto della Bce ai debiti pubblici degli stati del sud dell’eurozona, principalmente di Italia, Spagna e Portogallo, lasciando pur perdere la Grecia ormai senza speranza di salvezza.

Per conseguenza, l’euro in quanto tale “non restando più in piedi” ha il destino segnato.

Redazione Milano  IL NORD

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -