USA: i pazienti psichiatrici hanno paura di Donald Trump

 

La sinistra non è solo un’idea politica. È uno stato d’animo. Un modo di intendere la vita. In alcuni casi una condizione psichiatrica. Non me ne vogliano i lettori di sinistra. C’è una sinistra tollerante, intelligente e critica che fa scuola. Ma non è una mia idea balzana che ne esista anche una clinica.

nevrotico

L’autorevolissimo Washington Post ha pubblicato un sondaggio secondo il quale il 69 per cento dei cittadini statunitensi vive con l’ansia che Donald Trump diventi presidente. Fin qui ci sta. Anche se l’ansia sembra un sentimento oggettivamente esagerato. C’è vita anche oltre la politica. Ma la psicoterapeuta Alison Howard ha rincarato la dose spiegando – sempre al quotidiano della capitale – che nelle ultime settimane più di un paziente ha impiegato la costosa ora di terapia per parlare dei fantasmi e delle paure che l’exploit del miliardario gli ha provocato.

“Ci è stato detto per tutta la vita di non dire cose brutte delle persone, di non comportarci da bulli, di non ostracizzare le persone sulla base del colore della pelle – spiega la Howard – ma lui infrange tutti questi costumi morali, ed ha successo. Così le persone si chiedono perché lui la faccia franca”. In poche parole: il politicamente scorretto nuoce gravemente alla salute. Anche se sarebbe più giusto dire che il politicamente corretto nuove gravemente al cervello, a giudicare dalle lamentele dei suoi pazienti. Perché questo “stress da Trump” – così lo hanno ribattezzato i giornali a stelle e strisce – non è nient’altro che paura del diverso. Intolleranza al cambiamento. E capisco che possa sembrare un paradosso in una società nella quale “il diverso” viene normalmente considerato – per esempio – l’extracomunitario. Ma da un po’ di tempo a questa parte l’extracomunitario del pensiero è il politicamente scorretto che, in quello che qualcuno chiamerebbe un contrappasso, viene emarginato e ostracizzato. Anche quando dice cose di buon senso, come talvolta – non sempre – capita a Trump. Nei suoi confronti non c’è un’opposizione ragionevole e ragionata. Ma una reazione isterica. C’è una sinistra emotiva che al sol pensiero di una vittoria del tycoon finisce sul lettino dell’analista, si strappa i capelli, batte i piedi e cerca di ribaltare il tavolo.

Sempre abituati a vincere e a stare della parte della ragione, sempre viziati, ora si accorgono di non avere più l’appoggio popolare. E non riescono a spiegarselo. Non lo capiscono. Non si adattano. Non si adeguano. Vorrebbero portare via il pallone e interrompere la partita. Solo che il pallone è la democrazia. E con quella non si scherza. Quindi si prendessero le loro pastigliette e accettassero la democrazia anche quando non vincono loro

dal blog di Francesco Maria del Vigo – - il Giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -