L’Inps dice di aver sbagliato i calcoli e pretende 24,836 euro da un 80enne

 

anzianoSi è visto decurtare la pensione di un quinto da un giorno all’altro, senza possibilità di replica. E il motivo, spiegato in una breve lettera a firma dell’Inps, ha dell’incredibile: l’ente di previdenza ha infatti sbagliato il calcolo della somma dovuta negli ultimi 24 anni e per questo l’uomo, un ottantenne di Treviso a riposo dal 1° settembre 1992, dovrà ora restituire ben 24,836 euro. Il tutto pagando il prezzo dell’errore altrui, mai segnalato in oltre vent’anni, fino al 2039. Quando compirà la bellezza di 103 anni. Protagonista della vicenda è l’ex bidello Giuseppe Sinaldi e a raccontarla è la Tribuna di Treviso.

Giuseppe, racconta il quotidiano, è incredulo: “Sono in pensione da 24 anni, un quarto di secolo… si svegliano adesso? Fortunatamente – continua – ho qualche risparmio, altrimenti sarebbero guai”. E guai seri, sembra, perché al pensionato sono stati tolti 87,45 euro su una pensione di appena 438 euro, incassata insieme a una indennità integrativa che aveva avuto la fortuna di stipulare in precedenza. In tutto 850 euro al mese, che diventeranno 630 fino a giugno – l’Inps ha ricaricato su Giuseppe anche servizi e tasse – per poi salire a 770 fino al 2039. Una manciata di euro sopra la soglia di povertà assoluta.

Da chi e da cosa sia partito il ricalcolo della pensione di Giuseppe rimane un mistero, perché all’ottantenne sono stati trattenuti i soldi in automatico, senza spiegazioni. “Non abbiamo potuto fare altro – spiega al giornale l’avvocato del signor Sinaldi, Innocenzo D’Angelo – che chiedere l’accesso agli atti perché l’istituto non li ha forniti. Le uniche comunicazioni erano quelle in merito al debito, al prelievo mensile che gli sarebbe stato operato e alle modalità di pagamento”.

Una vicenda surreale che, salvo un improbabile ripensamento dell’ente previdenziale, vedrà la sua fine tra quasi un quarto di secolo, quando Giuseppe sarà ormai un ultracentenario in meritato, quanto travagliato riposo.ADNKRONOS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -