Autolesionismo dei clandestini a Calais: si cuciono la bocca per protesta

 

calais-bocca-cucita

Alcuni migranti iraniani della “Giungla”, il campo profughi di Calais in corso di sgombero, si sono cuciti la bocca con ago e filo per protestare contro l’operazione di smantellamento. Il gruppo ha inscenato un breve corteo nei sentieri del campo mostrando a telecamere e fotografi le bocche cucite, imbracciando cartelli con le scritte “We are humans” (siamo umani) e “Dov’è la vostra democrazia? Dov’è la vostra libertà?”.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -