Lavavetri scatenati a Caserta: pugni, calci e sprangate

 

L’ennesimo episodio di violenza da parte dei lavavetri di viale Carlo III a Caserta. La dinamica è sempre la stessa: allo scattare del semaforo rosso gli uomini appostati ai lati della strada, generalmente extracomunitari, impongono alle vetture ferme il lavaggio del parabrezza in cambio di danaro.

Come riporta IL Messaggero, è accaduto così anche ieri pomeriggio ad Antonio Paglia, 64enne padre di Gianfranco, medaglia d’oro al valor militare, ex deputato e attualmente consigliere del ministro della Difesa Roberta Pinotti.

Dopo il diniego da parte di Paglia al servizio di pulizia del vetro, in quattro hanno circondato l’auto colpendola con mazze, pugni e calci. L’uomo ha chiuso le sicure degli sportelli e ha immediatamente chiamato i carabinieri che sono accorsi in pochissimo tempo riuscendo ad evitare il peggio. I militari hanno fermato uno degli aggressori tra gli applausi delle persone e lo hanno poi portato in caserma. In seguito per Antonio Paglia, cardiopatico, è stato necessario anche l’intervento del 118 per gli accertamenti del caso.

«Rivolgo un invito al prefetto: andrebbe meglio utilizzata la polizia provinciale così come avviene al nord – dice l’ex deputato – perché polizia e carabinieri fanno già tanto. In vista della campagna elettorale spero si pensi meno alle buche e di più alla sicurezza perché le persone sono esasperate».

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -