Bimbo peruviano dimenticato all’asilo, i parenti (tutti pregiudicati) lo “rinnegano”

 

bimbo-piangeUn bimbo di quasi 3 anni e’ stato affidato alla maestra d’asilo dal magistrato di turno dopo che la sua famiglia si era dimenticato di andarlo a prendere.

L’allucinante storia è avvenuta in un nido milanese, l’altro giorno. Alla sera la mamma, 25 anni, peruviana, non si presenta. Aveva infatti incaricato la bisnonna del ritiro del piccolo. Ma la donna, molto anziana, non si era ricordata, come specifica Il Giorno. La madre non è rintracciabile: ha il cellulare scarico e le maestre la chiamano invano.

Vengono così avvisati i carabinieri per avvisare la madre. Qui la parte tragicomica della storia: tutti i parenti del piccolo (o i vicini di casa) si negano e fanno finta di non conoscere la famiglia e dicono di non sapere dove sia la mamma. Hanno tutti problemi con la giustizia o precedenti penali e non vogliono discussioni con le forze dell’ordine. Molti lo “rinnegano”. I carabinieri non possono così che avvisare l’autorità giudiziaria che dispone l’affidamento del piccolo a una maestra per la notte.

Nel frattempo, il cellulare della madre torna funzionante. Le maestre l’avvisano e così lei scopre che non era, come previsto, dalla bisnonna; e la mamma stessa vedendo che l’anziana si era dimenticata era andata dai carabinieri a denunciarne la scomparsa. La corsa con il cuore in gola dalla maestra e il lieto fine. Ma che fatica.

milanotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -