GENOCIDIO (IN)COSTITUZIONALE: follie e inganni disumani

 

Mi rivolgo a qualunque italiano di buonsenso, al di là dei propri ideali politici, cultura, estrazione sociale, insomma con questo post mi appello a voi italiani “normali”.
Vi chiedo se sareste così scellerati da affidare i vostri bambini ad una ludoteca gestita da una élite di pedofili? Oppure, affidereste un vostro parente, magari un figlio gravemente malato ad una clinica gestita da deviati medici che odiano la vita altrui? Medici che lucrano e godono nel veder morire i loro pazienti, dottori che rinnegano fermamente il giuramento di Ippocrate?

botta-pedofilia

Se non siete anche voi dei maledetti criminali allora presumo che mai e poi mai condannereste a morte vostro figlio, oltretutto favorendo un gratuito piacere sadico a certi psicopatici. Affidandovi a queste presunte bestie sareste anche voi complici di reati gravissimi, reati che vanno ben oltre ogni giurisprudenza, ritenuti peccati mortali anche da qualsiasi religione.

Qualcuno starà pensando “ma nessuno accetterebbe follie del genere, il Botta sta argomentando a sproposito oppure, ancor peggio, ha veramente iniziato a drogarsi”. Niente di tutto ciò, anzi rincaro la dose, quello che sta accadendo in Italia, e non solo, va oltre alle gravità esemplificate, si stanno commettendo delitti atroci e questa follia delittuosa sta addirittura sfociando nello scenario in cui certi reati gravissimi come il tradimento divengono non punibili e in dei casi persino obbligatori!!

Tutti sappiamo dov’è che si ferma la libertà. Ma è bene ripetercelo, la libertà di ognuno finisce laddove inizia la libertà del prossimo. Anche per questo esistono nel mondo i cosiddetti confini, a volte sotto forma di dogane e barriere, a volte in forme invisibili che delimitano i comportamenti civili secondo un sano buonsenso. Tra tutti i delitti quelli che odio di più in assoluto sono le ingiustizie commesse sulla base dell’inganno verso coloro che, proprio come i bambini, si trovano in uno stato inerme, senza alcuna possibilità di capire il pericolo e ancor meno di difendersi.

TUTELE DEL POPOLO

Se ci pensate bene in un Paese veramente civile questa tutela viene esercitata dalla Carta Costituzionale, essa è il Vangelo della libertà, della Democrazia (sì con D maiuscola). Non tutti possono essere avvezzi in giurisprudenza, in diritto civile e ancor meno in diritto monetario /economico ecc. Ecco che i padri costituenti tracciano dei solchi “sacri” dai quali non si deve mai e poi mai sconfinare. Sono quegli equilibri che regolano i diritti e i doveri di un popolo e del suo Stato. Distruggendo tali equilibri cosa comporta? Ne conseguono nefasti al pari di una guerra, orrori ai quali vengono esposti cittadini inermi che portano ad ingiustizie inaccettabili e in dei casi la frustrazione degli indifesi si trasforma in suicidio, il cosiddetto omicidio di Stato. Immaginate per un attimo se in un’aula di tribunale venissero ignorate le leggi e il Giudice iniziasse a dare torto a chi ha ragione e viceversa, dove le parti avverse si giocassero le dispute su un ring col machete, sarebbe il caos, la fine del sistema. Eppure è proprio ciò che sta accadendo.

Uno Stato libero che tutela il proprio popolo ha bisogno di tre principi miliari:
1- Un territorio delimitato da confini
2- Un popolo
3- Sovranità
Venendo meno uno o parte di questi principi la personalità dello Stato viene gravemente offesa o lo Stato stesso può ritrovarsi annientato. Senza uno Stato integro chiunque potrebbe invaderci e disporre delle nostre risorse a suo piacimento, chiunque potrebbe sottomettere il popolo usando le leve della moneta e dell’austerità per indebolire ogni nostro comparto al fine di farci depredare dai competitori esteri e dagli sciacalli collusi col saccheggio degli asset pubblici ai danni dei cittadini, mascherando la beffa col termine “privatizzazioni” (questo sta già avvenendo); qualsiasi banca, lasciata libera di violare l’art.47 Cost. in merito alla tutela del risparmio potrebbe rubare i patrimoni depositati dei cittadini per compensare sue, ripeto sue imprudenze (anche questo sta già avvenendo)…e via dicendo. La Costituzione nasce per chiarire e tutelare soprattutto questi tre inalienabili principi.

Ora chiedetevi chi dovrebbe blindare, vigilare e proteggere i principi costituzionali? Dovrebbero appunto essere le alte cariche dello Stato a partire dal Presidente della Repubblica. E se vi dicessi che oggi sono proprio le alte cariche dello Stato italiano che stanno man mano smantellando il sacro diritto dei poteri di sovranità appartenenti al popolo, ci credereste? Credeteci perché è ciò che sta accadendo. In più occasioni il Pres. della Camera Boldrini ha fatto affermazioni eversive in contrasto con la salvaguardia della sovranità popolare, arrivando ad incitare il potere in carica a cedere tali diritti a organismi stranieri non democratici. Mentre ci aspettavamo un intervento della Magistratura sull’incompatibilità della Pres. Laura Boldrini col ruolo che essa riveste, abbiamo invece assistito ad un rincaro della dose da parte del Presidente della Repubblica in persona che predica l’ormai superato principio di Stato sovrano.

Poi scopriamo che il Governo Renzi sottoscrive un accordo di cessione di parte dei mari italiani (quelli più pescosi) a nord della Sardegna ai competitors francesi. Trattativa iniziata da Prodi nel 2006, portata avanti sempre dalla sinistra con altre due sedute 2007 e 2008 ancora per mano di Romano Prodi, successivamente la trattativa si è fermata durante i Governi di Centro Destra, in attesa che al potere vi fossero dei collaborazionisti consenzienti e infatti appena il Governo Berlusconi viene a decadere tramite il complotto Spread, nel 2012 Mario Monti riprende la trattativa (sessioni portate avanti sempre di nascosto) sottoscrivendo altri capitoli, ma la firma della cessione vera e propria avviene in Francia nel 2015 col Governo Renzi, sempre all’insaputa del proprietario (il Popolo Italiano), per mano del Ministro Gentiloni. Non si sa in cambio di cosa e il perché di tale gravissimo tradimento, la sinistra cerca di difendersi affermando che è una trattativa risalente al 2006, la cosa paradossale è che l’hanno iniziata e condotta loro stessi come recita la slide sotto. Inoltre gli artefici del complotto ai danni dei pescatori e della Patria ora tirano in ballo le Nazioni Unite, ma anche questa è una farsa ridicola, le NU assistono alle ratifiche e hanno il dovere di essere coinvolte nelle modifiche geopolitiche e dei confini, ma non impongono affatto alcun provvedimento di cessione. Questi sono solo alcuni gravissimi ed inaccettabili esempi di quanto queste persone al potere stanno infierendo alla povera Italia, a questi si aggiungono ogni giorno affermazioni ancor più avverse alla nostra sovranità da parte di numerosi esponenti politici, nella maggior parte dei casi sempre di sinistra.

Cessione-Mari

E’ un complotto ormai evidente attraverso il quale stanno consegnando il nostro Paese nelle mani delle lobbies e dei banchieri senza scrupoli, stanno appunto facendo la stessa cosa che descrivevo all’inizio, espongono il popolo a degli orribili macellai. E se il popolo prova a denunciare il disagio, essi proclamano la necessità che i macellai siano ancor più spietati, questo al grido del “ci vuole più Europa!!”.

Hanno distrutto ormai quasi tutto pur di non ammettere l’errore di aver creato un lager con sede a Bruxelles a trazione finanziaria, privo di ogni logica e democrazia politica, infatti falliscono ogni qualvolta è necessaria una sintesi politica comunitaria, vedasi ad esempio l’Ucraina, medio oriente, nord Africa, per non parlare degli eccidi per mano dei macellai di Bruxelles in Grecia e in tutto il mediterraneo, evito in questo post di parlare del più clamoroso dei fallimenti, quello legato alla gestione emergenza immigrati e la sconfitta del patto di Schengen oggi ormai inesistente. Gioivano alla caduta del muro di Berlino, ora l’inadeguatezza della EU dei banchieri ha generato decine di nuovi muri. Stanno favorendo una società meticcia, distruggendo le identità culturali, diffondendo teorie che vanno contro i principi sacrosanti della famiglia, del lavoro, della natalità.

Stanno accettando l’islamizzazione pur di annacquare o annientare le nostre identità, pur di trasformarci da popolo ad una “massa di consumatori” schiavi di un mercato IN-globalizzato (che non c’entra nulla con l’inganno globalizzazione), un imperialismo finanziario che sogna una produzione standardizzata con meno diversificazioni possibili, magari come vuole l‘abominevole teoria “Gender” e, non ultimo, renderci permanentemente precari, in modo da controllarci e ricattarci senza pericolo di ribellione.

botta-mondialisti

Questo è un esempio dell’oscena manipolazione verso gli studenti secondo l’inaccettabile mondialismo che nessun popolo ha chiesto o desidera. Tratto da un libro scolastico imposto di geografia notificatomi dall’amico Avv. Giuseppe Palma

Tale lavaggio del cervello viene imposto alle attuali e future generazioni, partendo dalle scuole di infanzia in su, assistiamo inermi alla distruzione di secoli di conquiste e civiltà. Ma reagiremo. Sono certo che gli italiani si sveglieranno, si organizzeranno e rimedieranno a quest’inganno epocale, a questo genocidio vergognoso. Spero solo che la liberazione stavolta avvenga senza dover necessariamente ricorrere a metodi di un passato ancora non troppo lontano. Lo spero per i miei figli ai quali hanno già rubato i sogni.

Carlo Botta  – -  @BottaAdv



   

 

 

1 Commento per “GENOCIDIO (IN)COSTITUZIONALE: follie e inganni disumani”

  1. Lo spero tanto anch’io,ma dubito che una tale situazione infernale si possa risolvere pacificamente.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -