Concessioni balneari, Renzi sta portando a casa una sconfitta epocale

“CONCESSIONI BALNEARI, DALLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UE UNA SENTENZA CHE CONDANNA A MORTE LE NOSTRE IMPRESE BALNEARI”

spiaggia bc3ba1689125ce34b5cc9792c169d397Interrogazione urgente alla UE dell’europarlamentare leghista Mara Bizzotto: “Governo italiano colpevolmente latitante e incapace. Servono azioni immediate per salvarsi dalla tempesta Bolkestein!”

Sulle concessioni balneari il Governo Renzi sta portando a casa una sconfitta epocale che avrà conseguenze disastrose per migliaia di imprenditori balneari del nostro Paese e del Veneto. Perché la bocciatura in arrivo dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea rappresenta una vera e propria mazzata per il settore turistico italiano e veneto, che rischia di essere messo in ginocchio per colpa di una Direttiva UE completamente sbagliata e pericolosissima come la Bolkestein (solo noi della Lega Nord votammo contro in sede europea) e per l’evidente incapacità del Governo italiano che in questi anni non ha saputo e voluto fare una Legge chiara che normasse il settore balneare e tutelasse le nostre aziende, come invece hanno fatto altri Paesi come la Spagna”.

Lo dichiara l’europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, dopo la notizia che la Corte di Giustizia dell’UE è orientata a bocciare la proroga al 2020 delle concessioni balneari decisa a suo tempo dal Governo Italiano.

L’europarlamentare Bizzotto, che in questi anni ha affrontato più volte la questione delle concessioni balneari portando all’attenzione di Bruxelles le istanze degli imprenditori balneari veneti e italiani, annuncia la presentazione di un’interrogazione urgente alla Commissione UE affinché sia fatta piena chiarezza sulla situazione e sulla possibilità di soluzioni alternative.

“O il Governo, come finora non ha mai fatto, si dà una mossa e agisce tempestivamente in sede europea per trovare una soluzione vera e definitiva al problema delle concessioni balneari, oppure arriverà presto una burrasca che travolgerà l’intero settore turistico balneare – continua l’on. Bizzotto – Non c’è più altro tempo da perdere: se il Governo italiano vuole aspettare fino a maggio per la sentenza senza predisporre un piano alternativo da trattare con la UE, destinerà a morte certa decine di migliaia di imprese italiane”.

“Arrivati a questo punto, con il Governo italiano che non ha saputo difendere le proprie aziende come invece ha fatto la Spagna, rimangono soltanto 2 strade da percorre con massima urgenza – conclude l’eurodeputata leghista Mara Bizzotto – Roma deve negoziare con la UE un lungo periodo transitorio (almeno 30 anni) per le concessioni attualmente in essere al fine di tutelare i lavoratori delle 30 mila imprese balneari italiane e, contemporaneamente, prevedere all’interno dei bandi di gara per le nuove concessioni una serie di norme chiare e stringenti che garantiscano il riconoscimento della professionalità e degli investimenti fatti dai nostri imprenditori balneari. Solo in questo modo le nostre imprese potranno salvarsi dalla tempesta Bolkestein”.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -