Milano: in arrivo altri 4.500 presunti profughi

 

immigr-ospitiSi chiude domani, 26 febbraio 2016, il bando della Prefettura di Milano destinato all’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale nell’ambito di Milano e provincia: “4.500 posti, per il prezzo prodie/procapite di € 35 per il periodo dal 1 marzo al 31 dicembre 2016. “Si evidenzia – si legge nel bando – che il fabbisogno viene stimato in 4.500 posti destinati all’accoglienza, determinato considerando le presumibili necessità e le indicazioni fornite dal Ministero dell’Interno, Dipartimento per le Libertà Civili e per l’Immigrazione”.

“Siamo di fronte all’ennesimo business dell’accoglienza – ha dichiarato Paola Frassinetti, coordinatrice regionale di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale -. Se si è disposti a spendere circa 1.000 € al mese per mantenere un profugo, quando un pensionato sociale non arriva a prendere nemmeno la metà di questa cifra e tantissimi italiani faticano ad arrivare alla fine della seconda settimana, qualcosa non funziona”.

Non sono profughi. Hanno tra i 18 e i 35 anni e sono per lo più uomini soli

La struttura di accoglienza – continua il bando – “dovrà fornire tutti i generi di necessità”: vestiario, prodotti per l’igiene personale, un pocket money fino ad un massimo di 7,50€ al giorno, una tessera telefonica all’ingresso di € 15. I soggetti ammessi alla gara sono le associazioni, gli enti ecclesiastici, gli enti pubblici e del privato sociale, ma anche le strutture alberghiere.

“Dopo aver scaricato sui Comuni il problema della gestione dei profughi fomentando la guerra tra poveri con cittadini italiani in gara con gli immigrati – ha osservato Fabio Raimondo, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia e Assessore della Città di Melegnano – questa volta il Governo scavalca completamente i sindaci e per il tramite di cooperative e strutture alberghiere fa piombare su un territorio già al collasso altri 4.500 profughi”.

“Siamo stati i primi a chiedere un immediato blocco navale e una missione internazionale con lo scopo di aprire sulle coste nordafricane i centri di accoglienza – hanno concluso Frassinetti e Raimondo – in modo che possano essere valutati sul posto coloro che possiedono i requisiti per ottenere il diritto d’asilo, per poi essere smistati in tutti i 28 paesi dell’Unione europea. Perchè è l’Europa che se ne deve occupare”. askanews

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -