Libia, si prospetta la divisione in 3 regioni: Tripolitania, Cirenaica e Fezzan

Un piano B per dividere la Libia in aree di ‘protettorato’ straniero se fallisse l’accordo su un nuovo governo? “Sarebbe come separare di nuovo la Germania con un muro. Nessuno lo accetterebbe”: così l’ambasciatore libico in Italia, Ahmed Safar, incontrando i giornalisti alla Camera di Commercio italo-libica. Il riferimento è ad alcune indiscrezioni di stampa secondo cui a Washington, Parigi, Londra e Roma si starebbe già lavorando ad un piano di azione alternativo con la scusa di sconfiggere l’Isis, nel caso fallissero gli sforzi per far approvare il governo unitario sostenuto dall’Onu.

Un “Piano B” secondo il quale si punterebbe non più sul Parlamento di Tobruk, di carattere ‘laico’, ma su quello di Tripoli, dominato da formazioni islamiste. E si prevederebbe al tempo stesso una divisione del Paese nelle tre regioni di Tripolitania, Cirenaica e Fezzan, come in epoca ottomana.

libia

“La tripartizione della Libia appartiene al nostro passato – ha sottolineato il diplomatico -, è un’idea antica. Solo i libici decideranno il proprio futuro. E vogliono un governo unito, democratico e liberale”.

Per un vero e proprio intervento anti-Isis in Libia, la comunità internazionale attende formalmente di ricevere una richiesta ufficiale da un governo di unità nazionale. Governo che però ancora non esiste. Per l’ennesima volta, ieri, il parlamento basato a Tobruk ha rinviato il voto sull’esecutivo del premier incaricato Fayez al Sarraj, ufficialmente per mancanza del numero legale in aula. Una fumata nera che preoccupa l’inviato speciale ONu per la Libia Martin Kobler, visto che – ha sottolineato – gli eventi militari scavalcano quelli politici.

L’ambasciatore libico ha oggi anche detto di sperare “in un prossimo futuro di avere ottime notizie” sui quattro tecnici della Bonatti rapiti in Libia nel luglio scorso . “C’è molta collaborazione tra la parte italiana, l’Unità di crisi, e le autorità libiche per salvaguardare l’incolumità dei quattro”, ha detto Safar. Ma il presidente della Camera di Commercio italo-libica, GianFranco Damiano, ha sottolineato che “è passato molto tempo. In altri casi la soluzione è arrivata in tempi più brevi”. I dipendenti della Bonatti Gino Pollicardo, Fausto Piano, Filippo Calcagno e Salvatore Failla erano stati rapiti il 19 luglio mentre rientravano dalla Tunisia nella zona di Mellitah, a 60 chilometri da Tripoli, nei pressi del compound della Mellitah Oil Gas Company.(ANSAmed).

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -