Quarto Reich. Portavoce di Varoufakis: “La Merkel lo ricattò e gli ordinò di dimettersi”

La storia della Grecia e del rischio “fallimento” dell’estate 2015 si arricchisce di retroscena e particolari.

Angela-Merkel

A rivelarli al Giorno è il portavoce dell’ez ministro dell’Economia, Yanis Varoufakis, Dimitris Yannopoulos. L’uomo ombra dell’ex titolare del dicastero del Tesoro spiega cosa ci sia davvero dietro le dimissioni di Varoufakis. “Fra il 20 e il 24 febbraio 2015, non in giugno-luglio come si pensa. Ecco il ‘grande segreto greco’. Ha negoziato per 4 mesi con la Troika sapendo che non avrebbe ottenuto niente, mentre l’economia si stava disintegrando. Il 25 giugno, alla fine della proroga di 4 mesi, la Troika ha dato l’ultimatum: accettare il piano o uscire dall’euro. Tsipras ha deciso di andare al referendum, con le banche chiuse. Lui e Varoufakis speravano di perderlo e di dimettersi con dignità”.

A questo punto, Yannopoulos entra nel merito delle dimissioni del ministro e alza il velo su un retroscena: “Gli fu ordinato di dimettersi da Berlino quella notte (come ha scritto lui stesso nella lettera di dimissioni, inedita), altrimenti la Merkel non avrebbe parlato con Tsipras di alcun ‘compromesso’ e avrebbe fatto fallire la Grecia“.

E ancora: “Invece di denunciare all’opinione pubblica il ricatto dei creditori e la catastrofe umanitaria, Yanis ha scel to di fare un compromesso. È stata la sua rovina. Voleva rinegoziare le condizioni e migliorare le cose, ma si è fatto intrappolare. Dopo due fallite riunioni dell’Eurogruppo, dove aveva rifiutato di firmare documenti già pronti, alla terza (20 febbraio) gli fu detto che ‘Merkel aveva dato istruzioni a Dijsselbloem e al ministro Schaeuble di accettarele richieste greche’: era una bugia. Il testo poi era volutamente ambiguo”.

IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -