Unioni civili, 400 Vip in cerca di visibilità si ricordano di essere italiani

 

Non li abbiamo mai visti, né sentiti quando migliaia di italiani si sono suicidati. Non li abbiamo visti quando hanno abolito l’art.18, quando hanno rovinato gli esodati, quando gli anziani rovistano nella spazzatura, quando i nostri poveri fanno le code alla Caritas.

Ora all’improvviso, 400 vip in cerca di visibilità, si ricordano di essere italiani.

gay-vip2

Il mondo della cultura e dello spettacolo scende in campo in favore della legge Cirinnà. E’ su change.org la lettera appello rivolta ai parlamentari per cogliere “l’occasione storica di fare un primo passo verso il riconoscimento di diritti civili e umani fondamentali”.

Circa 400 le firme raccolte nella petizione, RICORDATE QUESTI NOMI -  dall’etoile Roberto Bolle al neo direttore di Raitre Daria Bignardi; da Jovanotti e Tiziano Ferro a Eros Ramazzotti e Laura Pausini, per la musica; non mancano il cinema con Paolo Virzì e la letteratura, con lo scrittore Andrea Camilleri.

“È tardi per perdersi in strategie politiche, si sta parlando delle vite concrete di milioni (???) d’italiani in estenuante attesa di esistere agli occhi dello Stato. Siamo fuori tempo massimo, come hanno chiaramente indicato la Corte Costituzionale e la Corte Europea dei Diritti Umani. La legge Cirinnà è già frutto di numerosi compromessi con un Parlamento che, in nome di una presunta difesa dell’infanzia, sceglie di ignorare i bambini italiani che oggi crescono privati dei loro diritti”, si legge nell’appello firmato dall’artista Sebastiano Mauri. “Se comparata alle leggi vigenti nei Paesi a noi vicini e affini, questa legge, oltre ad arrivare ultima in Europa occidentale, garantisce il minimo dei diritti alle persone LGBT. Un minimo oltre il quale non si può sconfinare, perché significherebbe approvare una legge di facciata o peggio lesiva, rimandando al mittente il riconoscimento di legittimità di milioni d’italiani e delle loro famiglie”.

“Accorgersi di un’ingiustizia e correggerla a metà, significa perpetuarla. È insufficiente non essere razzisti, omofobi o sessisti, è necessario essere operosi nella lotta contro il razzismo, l’omofobia o il sessismo, combatterli ovunque si celino, soprattutto attraverso gli strumenti legislativi in mano al Parlamento”, si legge ancora nella lettera. “Un Paese dove tutti i cittadini, di là dal genere, razza, o orientamento sessuale, godono di pari opportunità, è un Paese più ricco, produttivo e felice. Il prezzo dell’esclusione lo paga la società intera”. “Abbiamo oggi l’occasione di fare la Storia, chiediamo pertanto la celere approvazione della legge Cirinnà nella sua completezza, permettendo all’Italia di unirsi al resto d’Europa e di sempre più Paesi del mondo nel riconoscimento di diritti fondamentali a tutti i suoi cittadini”, conclude Mauri. -

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Unioni civili, 400 Vip in cerca di visibilità si ricordano di essere italiani”

  1. Quoto e concordo:
    “Non li abbiamo mai visti, né sentiti quando migliaia di italiani si sono suicidati. Non li abbiamo visti quando hanno abolito l’art.18, quando hanno rovinato gli esodati, quando gli anziani rovistano nella spazzatura, quando i nostri poveri fanno le code alla Caritas”.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -