Romeni si fingono poliziotti e derubano turisti a Roma Termini. Arrestati

Roma Termini, finti poliziotti fermano turisti: prima la perquisizione, poi la rapina

Due cittadini romeni, di 49 e 47 anni, sono finiti in manette, dopo una serie di colpi messi a segno alla stazione Termini ai danni di ignari turisti. Le vittime, credendo di trovarsi di fronte a veri poliziotti, non esitavano a mostrare i documenti o a farsi perquisire dai due malfattori, che si impossessavano anche degli oggetti che le vittime nascondevano nelle tasche interne dei loro indumenti.

In una circostanza però una di queste scene è stata notata dai poliziotti del Commissariato durante uno dei consueti servizi di controllo del territorio effettuato nella zona dello scalo ferroviario. E’ iniziata così un’immediata attività investigativa per individuare i due falsi poliziotti.

Proprio ieri sera i due criminali dopo aver scelto dei facoltosi cittadini stranieri, bielorussi, li hanno avvicinati e dopo essersi qualificati come poliziotti, li hanno sottoposti ad un controllo di Polizia impossessandosi di denaro contanti, gioielli e di un telefonino di ultima generazione.

I due falsi poliziotti non sapevano però di essere pedinati dai veri poliziotti del Commissariato Viminale, i quali sono intervenuti bloccandoli. Recuperata la refurtiva tra cui gioielli, denaro in contante da pezzi di 500 euro, 45 mila rubli e altri oggetti.

Da accertamenti investigativi è emerso che i due falsi poliziotti si erano resi responsabili di altri delitti dello stesso genere con il relativo riconoscimento delle vittime, tra i quali anche facoltosi turisti giapponesi.

romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -