Germania, il governo condanna le proteste contro i profughi in Sassonia

 

Il governo tedesco ha condannato le manifestazioni di giovedì scorso a Clausnitz, piccolo villaggio della Sassonia, dove un autobus carico di profughi è stato bloccato per ore da un gruppo di manifestanti. I presunti profughi hanno risposto con sputi e ingiurie e successivamente hanno accusato la polizia di usare modi bruschi


“Ciò che è accaduto è vergognoso – ha detto Steffen Seibert, portavoce della cancelliera Angela Merkel – bisogna essere davvero insensibili per pararsi davanti a un bus di rifugiati, imprecando e minacciando. Meno male che ci sono tante persone in Germania e in Sassonia capaci di dimostrare ogni giorno che il nostro Paese non è tutto così”.

Un’inchiesta è in corso, ma non si tratta di un caso isolato. Nella cittadina di Bautsen, nella stessa regione, alcuni passanti hanno ostacolato l’intervento dei vigili del fuoco, arrivati a spegnere un incendio scoppiato in un centro per rifugiati in via di allestimento.

Frauke Petry, leader del partito di destra Alternative fuer Deutschland, prende le distanze da questi episodi, ma i suoi consensi elettorali crescono. In Sassonia Anhalt, dove fra tre settimane si terranno le elezioni regionali, l’AFD ha superato per la prima volta i socialisti.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -