Scansione dell’iride per fare la spesa nei campi rifugiati

 

I rifugiati siriani che vivono nel campo King Abdullah Park, nel nord della Giordania, d’ora in poi possono comprare cibo, acqua e tutti i beni necessari con la scansione dell’iride, senza usare contanti, buoni alimentari o carte. L’innovativo sistema di pagamento è stato lanciato dal Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite.

iride-profughi-giordania

Così ad Hamda Hariri, nel campo dopo essere fuggita da Daara, è bastato avvicinare gli occhi ad una fotocamera per pagare nel negozio del campo con i soldi che le vengono assegnati mensilmente. “Questo sistema di scansione dell’iride – dice – è migliore dell’altro sistema, la carta digitale, perché io ho perso il mio pin due volte e non potevo usarla, in questo modo non ho problemi”

Una volta che l’iride è stata scannerizzata, il sistema comunica automaticamente con il database dell’UNHCR, l’alto comissariato per i rifugiati: una volta confermata l’identità e il saldo a disposizione del rifugiato, viene abilitato l’acquisto ed emesso lo scontrino.

Dice Mageed Yahia,  responsabile per il World Food Programme della Giordania: “Per la prima volta nella storia del World Food programme i rifugiati siriani possono accedere all’assistenza del Wfp usando i loro occhi. Non c’è più bisogno di denaro contante, carte, voucher, questo procedimento è più efficiente, sicuro e veloce”.

Nei prossimi mesi verrà valutata la possibilità di estendere la scansione dell’iride a tutti i rifugiati siriani che vivono nei campi in Giordania, e in futuro, anche all’esterno.Il sistema è stato sviluppato in collabroazione con i partner giordani irisGuard, Jordan Ahli Bank e Middle East payment System.  askanews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -