Turchia, Erdogan: armi USA nelle mani dell’Isis

 

Le forze militari turche hanno intensificato i bombardamenti sulle postazioni delle milizie curde dell’Unità di protezione popolare. Considerate dal governo turco responsabili insieme al PKK dell’attentato di mercoledì ad Ankara. Colpite nel nord della Siria, le città nella provincia di Aleppo. Dove i combattenti curdi sono impegnati con il supporto degli Stati Uniti a contrastare l’espansione dell’Isil.

“Alcuni mesi fa in un incontro ho detto ad Obama che gli Stati Uniti stanno rifornendo armi – ha detto il presidente turco Erdogan – Sono arrivati tre aerei carichi. La metà è finita nelle mani dell’Isil e l’altra metà alle milizie curde siriane. Contro chi sono utilizzate quelle armi? Sono usate per colpire qui i civili”

Un gruppo militare curdo, il Kurdistan Freedom Hawks (Tak), ha rivendicato dal proprio sito internet l’attacco contro l’esercito turco nel centro di Ankara. Si tratta di una milizia precedentemente legata al PKK.

Ma il governo turco punta a far riconoscere dalla comunità internazionale il movimento militare curdo-siriano come “gruppo terrorista” alla stessa stregua del PKK.

Il tema verrà affrontato dal capo di Stato turco in un colloquio telefonico con il presidente Obama, con in aggiunta la richiesta di sospendere il rifornimento delle armi.

In previsione ci sono frizioni diplomatiche mentre ad Ankara è stato dato l’ultimo saluto alle vittime dell’attentato che è costato la vita a 28 persone. EURONEWS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -