Toscana: 54mila famiglie in povertà assoluta

Povertà, la situazione non è rosea: inToscana 54mila famiglie stanno male

“La crisi genera un forte incremento della povertà, in Italia e anche in Toscana, dove contiamo 54mila famiglie in questo stato. Il fenomeno è in forte crescita”. Sono le parole di Stefano Casini Benvenuti, direttore di Irpet Toscana, in un video pubblicato ieri su Facebook, in vista del convegno sulla povertà che si sta svolgendo oggi a Firenze (“La povertà in Italia, analisi e proposte”) organizzato dalla stessa Irpet assieme alla Regione.

“La povertà è un tema importante dal punto di vista sociale ma anche economico. Sostenere chi è povero vuol dire sostenere le persone che hanno maggiore propensione al consumo, dunque la domanda interna e la crescita dell’economia”, aggiunge Benvenuti.

“La crisi sta facendo soffrire milioni di donne, uomini, bambini e anziani. In Toscana ci sono 54mila famiglie in condizione di povertà assoluta. Dobbiamo aprire un capitolo nuovo, combattere le disuguaglianze e dare a tutti le stesse possibilità: serve una protezione universale per tutti coloro che non ce la fanno, facciamo della lotta alla povertà una battaglia di democrazia”, è la proposta del presidente della Regione Enrico Rossi.

Il convegno di oggi, in Palazzo Strozzi Sacrati, piazza Duomo 10, ha l’obiettivo di compiere una riflessione su come è cambiata la povertà, fra prima a dopo la crisi, e su quali sono gli strumenti più adatti, a livello locale e nazionale, per sostenere le famiglie a rischio di povertà ed esclusione sociale.

firenzetoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -