UE: 6 milioni di euro al Ghana per contenere l’immigrazione

 

euroAccra, 17 feb. – l’Unione europea stanziera’ 6 milioni di euro al Ghana per ridurre il volume dei flussi migratori del paese africano verso l’Europa. Lo ha reso noto l’ambasciatore europeo presso il Ghana, William Hanna, che ha dato l’annuncio durante l’inaugurazione del MIC, Migration information centre, patrocinato dal progetto euro-africano GIMMA, Ghana Integrated Migration Management Approach, intervenendo a Sunyani, citta’ ghanese considerata arteria economica del Paese.

Nel 2015 l’Unione Europea ha fornito 190 milioni di euro di sovvenzione al Ghana. L’obiettivo quest’anno e’ trovare una soluzione alla disoccupazione e sostenere i giovani nella formazione professionale.

La UE regala altri 31,6 milioni di euro al Ghana

Corruzione con i soldi europei in Ghana. La UE ha insabbiato tutto

Grande scandalo corruzione della Commissione UE in Ghana. E danno lezioni all’Italia

Il progetto, il cui obiettivo e’ chiaramente quello di supportare e promuovere la creazione di posti di lavoro e la crescita dell’economia ghanese, cosi’ da incentivare i giovani a non lasciare la nazione, sara’ gestito a quattro mani dalle autorita’ locali e dalle organizzazioni della societa’ civile.

Hanna ha dichiarato che la priorita’ del progetto sara’ quella di servire principalmente le regioni in cui vi e’ un piu’ alto tasso di individui pronti ad andare all ricerca di “pascoli piu’ verdi” all’estero, sottolineando che questo e’ il motivo per cui la regione del Brong Ahafo dovrebbe essere una delle principali beneficiarie del progetto. Il nuovo ufficio del MIC dovrebbe rappresentare un luogo neutrale in cui chiunque possa recarsi per richiedere informazioni riguardo le procedure legali di immigrazione, le politiche degli stati in cui sono diretti o per ottenere i documenti necessari per lasciare, legalmente, il paese.

E’ di fondamentale importanza ricordare che il flusso migratorio non e’ composto esclusivamente da profughi che aspirano al riconoscimento di rifugiati politici perche’ provenienti da paesi in guerra ( come Libia, Siria e Somalia), ma anche dai cosiddetti “migranti economici”, come senegalesi e ghanesi, che lasciano la propria patria sperando venga loro concesso l’asilo politico, cosi’ da poter ottenere nuovi documenti in paesi economicamente piu’ stabili rispetto a quelli dai quali provengono. (AGI)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -