Banca Popolare Vicenza: 117.000 azionisti assistono impotenti al “massacro” dei loro risparmi

 

117.000 azionisti di Banca Popolare di Vicenza stanno assistendo impotenti al “massacro” dei loro risparmi. La Banca ha infatti fissato il prezzo di recesso per gli azionisti in 6,30 euro, a fronte dei 62,50 del 2014 e dei 48 euro fissati solo lo scorso aprile!

banca-popolare-vicenza

BPV ha fissato il 5 marzo come data per l’assemblea che dovrebbe deliberare l’aumento di capitale, la trasformazione in S.p.A. e la quotazione in Borsa. Confconsumatori rileva che i dati comunicati dal nuovo management della Banca dicono che la raccolta del 2015 è di 21,9 miliardi (ossia in un anno la raccolta segna meno 8,43, pari a – 27,8%). Purtroppo la perdita viene comunicata in una somma pari a circa 1,4 miliardi di euro. Il patrimonio netto consolidato è pari ad euro 2,5 miliardi.

Secondo Mara Colla, Presidente di Confconsumatori: «In attesa dell’indispensabile aumento di capitale, resta la rabbia e la perdita patrimoniale enorme degli azionisti della Banca, che perdono quasi il 90%del valore delle loro azioni. Servono interventi seri sul piano normativo che tutelino davvero i piccoli risparmiatori».

TUTELA DEI RISPARMIATORI – Confconsumatori, in base all’esperienza maturata in anni di tutela dei “risparmiatori traditi”, ha delineato un percorso giudiziario per recuperare le ingiuste perdite subite e ritiene percorribili almeno due strade in via autonoma e concorrente fra loro.

· In primo luogo, secondo l’avv. Luca Baj, «Sussistono i presupposti per presentare un esposto penale presso la Procura della Repubblica per ognuno dei risparmiatori azionisti della Banca. Se il procedimento penale attivato presso la Procure di Vicenza proseguirà, ci costituiremo parte civile per richiedere il risarcimento dei danni agli imputati».

· In secondo luogo, in via di azione civile, intendiamo invece proporre una causa contro la Banca che ha venduto le azioni. Secondo l’avv. Antonio Pinto: «Si domanderà l’invalidità ed inefficacia dei contratti stipulati, per una serie di violazioni del Testo Unico Bancario e del Testo Unico dell’Intermediazione Finanziaria. Inoltre si chiederà la nullità del contratto di acquisto delle azioni per violazione di norme imperative (ad es. violazione dell’art. 2621 cod. civ. per false comunicazioni sociali), nonché l’annullabilità del contratto per errore sull’oggetto e sulle qualità essenziali del bene».

Tanto al fine di ottenere la restituzione delle somme versate per l’acquisto. In particolare, come noto, il prezzo dell’azione lo fissava l’Assemblea sulla base di una proposta del CDA (che era quella che contava per davvero) e si fondava su dati NON controllabili e verificabili dal singolo risparmiatore, neppure usando la migliore diligenza. Il risparmiatore quindi ha fatto affidamento sui dati di bilancio che venivano pubblicizzati che, in realtà, non erano veritieri, come i numeri che la Banca sta comunicando per l’assemblea del 5 marzo stanno indirettamente comprovando.

Infine, nei vari casi segnalati a Confconsumatori, in cui le azioni sono state vendute unitamente all’erogazione di un mutuo o di un fido ecc., si chiederà di applicare la norma che considera nulli i contratti di vendita, perché in violazione del divieto di finanziare l’acquisto delle proprie azioni.  AGI

COME ADERIRE – Su una vicenda complessa come questa, è indispensabile esaminare ogni caso singolarmente, perché possono esserci differenze importanti (ad es. a chi ha sottoscritto tutti i documenti e chi no, chi ha comprato in concomitanza di un prestito erogato dalla banca, chi compra abitualmente titoli a rischio e chi no, ecc.). Per ricevere informazioni è possibile contattare LE SEDI di confconsumatori, o scrivere a risparmio@confconsumatori.it o compilare il modulo online disponibile sul sito www.confconsumatori.it.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Banca Popolare Vicenza: 117.000 azionisti assistono impotenti al “massacro” dei loro risparmi”

  1. Ma sono anni che si sa che questa banca falliva!
    Perchè non hanno receduto in tempo?
    poi gli investimenti in azioni sono le piu pericolose, lo sa anche mio figlio che non c’è da fidarsi.
    Comunque quando arriverà la patrimoniale, ed è certo, toccheranno tutti, anche i piu prudenti.
    Abbasso le formiche, evviva le cicale!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -