Libia: armi per l’Isis arrivate a Sirte a bordo di grandi gommoni

 

Un carico di armi destinato alla filiale libica dello Stato Islamico (Isis) sarebbe arrivato, via mare, a Sirte nel nord del Paese nordafricano. Lo rivelano diverse fonti locali citate vari media locali ed arabe.

isis-libya-sirte

Stando a fonti del portale libico al Wasat, “le armi sono arrivate la notte scorsa a bordo di gommoni di dimensioni grandi”. Una volta scaricato sulla banchina del porto di Sirte “il carico è stato caricato su due containers”, affermano le stesse fonti aggiungendo che “nel frattempo aerei da guerra di nazionalità ignote stavano bombardando il perimetro del porto forse proprio per colpire le armi arrivate”.

Secondo le stesse fonti, “oltre 12 jihadisti sono rimasti uccisi a causa dei raid aerei che hanno colpito due tenute agricole vicino al quartiere di Al Sawawa” alla periferia di Sirte. La maggior parte dei jihadisti morti sarebbero, oltre i libici, “provenienti da Tunisia e Ciad”.Inoltre, abitanti di Sirte hanno riferito alla tv satellitare al Arabiya, che “i posti di blocco dell’Isis all’interno di Sirte sono pressoché spariti e l’organizzazione sta concentrando la sua presenza agli ingressi principali della città”.

E mentre il governo di Concordia nazionale non è stato ancora votato dai parlamenti di Tripoli e Tobruk che continuno con i loro veti incrociati, l’Isis prosegue a consolidare le sue posizioni. La tv saudita al Arabiya, citando fonti locali, afferma che l’organizzazione terroristica a Derna (Est) ha incominciato a trasferire i suoi combattenti dalle alture al Fataeh che si trovano ad est verso il centro di Derna per dar man forte ai suoi “250 jihadisti che da giorni sostengono violenti combattimenti nel quartiere 400″.

Il quartiere popolare “Quattrocento” di fatto sarebbe diventato un’enclave dell’Isis all’interno della città.Sirte, vicina alla zona petrolifera del paese, è la roccaforte principale dell’Isis in Libia. Ma i jihadisti contano su altre presenze, come a Derna nell’est del Paese e Sabrata a ovest della capitale Tripoli. Inoltre, stando a media locali, l’organizzazione avrebbe occupato caserme dell’ex esercito abbandonate a sud di Misurata, la principale delle quale la “Base al Burkan” che si trova su uno snodo stradale che si collega con diverse località tra Misuratae la capitale Tripoli. ASKANEWS


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!
IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal


 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -