Colonia, Procuratore: gli aggressori erano richiedenti asilo e clandestini

 

sputi-coloniaBERLINO – Dei 59 migranti sospettati di aver preso parte alle aggressioni nei confronti delle donne nella notte di Capodanno a Colonia, solo tre sarebbero arrivati in Germania con la recente ondata migratoria. Lo riferisce la Welt, intervistando il procuratore Ulrich Bremer che ha illustrato i dati sulle indagini in corso. Si tratta di due migranti siriani e un iracheno. Gli altri sospettati, 13 dei quali arrestati, provengono dal Nord Africa, da Marocco, Algeria e Tunisia e si troverebbero in Germania da diversi anni. Bremer ha anche fornito l’ultimo aggiornamento sulle denunce. Il totale è di 1.054, 454 riguardano aggressioni o molestie sessuali, 600 furti in prevalenza di portafogli e smartphone.

Lo status degli arrestati striderebbe in parte con le indicazioni contenute nei primi rapporti della polizia di Colonia e diffuse nei giorni successivi alle violenza, da cui emergeva che in buona parte i responsabili nordafricani sarebbero profughi.

La smentita della Procura di Colonia

Il procuratore di Colonia Ulrich Bremer ha smentito che le aggressioni della notte di Capodanno riguardino solo marginalmente profughi recentemente giunti in Germania, come sostiene invece parte della stampa. In totale i sospettati sono 73, “in grande maggioranza” richiedenti asilo o persone giunte in Germania illegalmente.

Il procuratore smonta quindi le critiche riprese oggi dalla Welt ma anche dall’Independent, secondo cui solo tre sono i migranti accusati. Conferma comunque che i due gruppi più numerosi provengono da Paesi del Nord Africa: Marocco e Algeria. In più, ci sono tre tedeschi, ha aggiunto Bremer.

Al momento agli arresti ci sono 15 sospetti. Contro di loro gli inquirenti muovono accuse di reati contro il patrimonio, in un solo caso di delitto a sfondo sessuale.

Corriere del Ticino



   

 

 

1 Commento per “Colonia, Procuratore: gli aggressori erano richiedenti asilo e clandestini”

  1. Appunto,alla faccia dei contaballe sinistrorsi,radical-chic e cattocom!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -