Cremlino: non accettiamo accuse per i raid sugli ospedali siriani

 

Il Cremlino respinge le accuse mosse alla Russia di aver bombardato l’ospedale nel nord della Siria. Così il portavoce di Vladimir Putin Dmitri Peskov. Ieri almeno 50 persone sono state uccise in attacchi missilistici su cinque ospedali – di cui uno gestito da Medici senza Frontiere – e due scuole nelle province di Idlib e di Aleppo.

putin11

L’addetto stampa presidenziale Dmitry Peskov, commentando le accuse rivolte alla Russia per i bombardamenti su ospedali in Siria, ha detto che Mosca non accetterà tali dichiarazioni. “No, ancora una volta: categoricamente, non accettiamo tali dichiarazioni. Inoltre, ancora una volta chi fa tali affermazioni, non è in grado di dimostrare le proprie accuse” ha detto ai giornalisti Peskov, citando invece “rappresentanti ufficiali delle autorità siriane” come “fonte primaria” che oggi hanno attribuito la responsabilità dei bombardamenti a jet partiti dalle basi Nato in Turchia.

I soliti “attivisti” hanno accusato degli attacchi la Russia, altri i governativi siriani.

L’ambasciatore siriano in Russia, Riyad Haddad, ha affermato che a colpire la clinica di Msf sono stati jet americani ma Washington ha smentito.

 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal


 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -