Cassazione: una mano sul sedere è violenza sessuale

 

Una mano sul sedere può costare caro. Se ‘non richiesto’ da chi lo subisce, il gesto fa scattare il reato di violenza sessuale. A stabilirlo è la Cassazione, con la sentenza n. 5515/2016 pubblicata sulla newsletter dello Studio Cataldi, confermando la condanna nei confronti di un’automobilista, responsabile di aver palpeggiato il sedere di un’agente di Polizia Municipale nel corso di un controllo, corredando il gesto con frasi scurrili.

Per i giudici, quindi, anche il palpeggiamento dei glutei può rientrare nella nozione di atti sessuali, nonostante sia fugace o repentino. ADNKRONOS


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal


 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -