Canone Rai in bolletta: sarà la residenza a decidere chi paga

 

canone-raiSarà la residenza in un immobile il criterio guida per stabilire chi dovrà avere il canone Rai addebitato nella bolletta elettrica. Lo ha precisato il ministero dello Sviluppo economico, che sta lavorando alla scrittura del decreto attuativo delle nuove regole sul canone Rai che sarà addebitato nelle bollette a partire da luglio.

FA FEDE LA RESIDENZA – Il canone Rai sarà addebitato solo ed esclusivamente sulle utenze residenziali, quindi solo sulle “prime case”. L’informazione è già a disposizione delle compagnie elettriche e già indicata nella bolletta. Due coniugi residenti in due abitazioni diverse, con una utenza elettrica di tipo “residenziale” nelle due case, pagheranno due volte il canone Rai. Il contribuente con più di una utenza elettrica intestata a sè dovrebbe invece pagare solo per l’abitazione nella quale è residente. L’inquilino che è residente in un immobile ma che non ha un’utenza elettrica intestata a sé dovrà pagare il canone, con modalità che saranno stabilite dal decreto Mise-Mef. Il proprietario dell’immobile, in ogni caso, dovrà pagare solo per la casa nella quale ha la residenza.

Sarà dunque fondamentale, per evitare duplicazioni nell’addebito del canone, lo scambio di informazioni tra imprese elettriche, Comuni e agenzia delle Entrate, al fine di avere gli elenchi corretti di coloro che devono ricevere l’addebito del canone in bolletta.

ARRETRATI SENZA PRESUNZIONE DI POSSESSO – Altro tema riguarda gli arretrati: la riforma del Canone Rai non ha effetto retroattivo, dunque non vale per gli anni passati, ma solo dal 2016 in poi. Questo però non comporta una sanatoria per chi non ha mai pagato, sicché l’Erario potrà ugualmente procedere a effettuare i controlli per accertare le evasioni; controlli, tuttavia, che non potranno basarsi sul semplice fatto di aver versato l’abbonamento a partire da quest’anno con la bolletta della luce. È quanto chiarito dal viceministro all’Economia, Enrico Zanetti, rispondendo al question time in commissione Finanze della Camera a un’interrogazione.

http://quifinanza.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -