Siria: l’opposizione rifiuta la proposta di cessate il fuoco

 

Le opposizioni siriane in esilio rifiutano con forza la proposta per un cessate il fuoco entro una settimana in Siria avanzata nella notte da Usa e Russia.

Riad Hijab a sinistra nella foto

Riad Hijab a sinistra nella foto

Riad Hijab, presidente dell’Alto consiglio dell’opposizione siriana sostenuto dalle opposizioni saudite e la cui delegazione delegazione è l’unica a condurre i colloqui mediati dall’Onu con il governo di Damasco, ha affermato che “nessun accordo è possibile fino a quando rimarrà in carica il presidente (Bashar) al Assad e rimarranno in Siria i Pasdaran (iraniani)“.

L’accordo per un cessate il fuoco entro 7 giorni era stato raggiunto la scorsa notte ai colloqui di Monaco. Il documento approvato prevedeva anche la possibilità che gli aiuti umanitari potessero accedere in alcune zone subito, entro entro il weekend. (ANSAmed).


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

1 Commento per “Siria: l’opposizione rifiuta la proposta di cessate il fuoco”

  1. La proposta per il cessate il fuoco sottoscritta da USA e Russia ribadisce, ancora una volta, che deve essere il popolo siriano a decidere del futuro politico del Paese. le opposizioni nn lo accetteranno mai, perché ciò comporta la loro definitiva scomparsa politica.
    Le opposizioni non sono in grado di affrontare le elezioni; o si affermano sul terreno o scompariranno.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -