Banche fallite, nel decreto del governo saltano i rimborsi

Banche fallite, nel decreto del governo saltano i rimborsi: la riforma delle Bcc

protesta-etruria

Saltano i rimborsi per le banche fallite. Nel maxi-decreto legge sulle banche all’esame del Consiglio dei ministri, infatti, sono state stralciate le norme sui criteri per i rimborsi dei quattro istituti bancari falliti a novembre (Banca Etruria, Banca Marche, Cassa di risparmio di Chieti e Cassa di risparmio di Ferrara). I rimborsi andranno in un altro provvedimento, un decreto del ministero dell’Economia, che poi dovrà essere validato dal Consiglio di Stato.

“Da domani – ha detto Renzi al termine del vertice – il sistema bancario sarà più solido dopo le scelte di questa sera”. L’obiettivo, spiegano al ministero, è quello di velocizzarne il cammino, dal momento che per ragioni di tecnica parlamentare un provvedimento del Ministro prevede un passaggio in meno. Il decreto legge conterrà quindi tre blocchi: la riforma delle banche di credito cooperativo, la garanzia statale sulle sofferenze bancarie e l’accelerazione del recupero dei crediti.

La riforma delle Bcc, spiega Valentina Conte su la Repubblica, “potrebbe ricalcare lo schema di autoriforma proposto dalle stesse banche cooperative: una holding capogruppo, con un capitale da almeno un miliardo, a cui le banche dovranno aderire attraverso un patto di coesione. Anche se da alcune indiscrezioni interne a palazzo Chigi potrebbe cambiare l’impostazione: il governo starebbe ipotizzando anche la creazione di più di un gruppo cooperativo. Non più quindi una holding unica ma un testo che consenta la formazione di diversi gruppi su base territoriale”.

today.it


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -