Ashley Olsen, la famiglia: “Non ci fu sesso consenziente quella notte”

 

Ashley-Olsen“È inaccettabile, offensivo e profondamente ingiusto pensare, come è stato insinuato, che se la sia quasi cercata, per il semplice fatto di essersi fatta avvicinare da uno sconosciuto, in quel locale”.

Ad un mese dal delitto la famiglia di Ashley Olsen rompe il silenzio. Con un lunga lettera pubblicata dal Corriere della Sera, Walter Paula e Gabrielle, il papà la madre e la sorella della 35enne, prendono le distanze dalle inesattezze “messe in circolazione dall’indagato e da parte della stampa”.

Affermazioni che hanno dipinto un quadro di Ashley “molto lontano dalla verità” e non rendono “giustizia ai suoi valori ed a ciò in cui lei ha sempre creduto”.

Di quella sera, scrivono i familiari, conosciamo solo “le poche informazioni divulgate finora dalla Polizia”. Troppo poco per dare giudizi sulla vita di Ashley che invece “era conosciuta come una persona fedele e monogama”. Non solo. I familiari rivelano anche un dettaglio che potrebbe rivelarsi importante ai fini delle indagini:

Sappiamo che nei giorni prima della sua morte, stava facendo una cura medica per una infezione del tratto urinario che le avrebbe impedito di avere rapporti sessuali consenzienti. In aggiunta, se è vero (come dicono le Autorità) che Ashley aveva bevuto e assunto altre “sostanze” che la avevano resa non pienamente capace di intendere e di volere, allora deve dirsi chiaramente che qualsiasi tipo di rapporto avuto quella notte, non sia stato consensuale. Quindi non è vero che ci fu sesso “consenziente”, quella notte.

I familiari dicono di aver fiducia nelle forze dell’ordine e che “giustizia sarà fatta”.

“Sebbene non possiamo far tornare in vita Ashley, possiamo mantenere in vita la sua eredità come persona gentile e dal cuore puro”.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -