Bari: scoppia la guerra del grano, arrembaggio degli agricoltori a difesa pane e pasta

 

PANE-GRANOScoppia la ‘guerra del grano’. Gli agricoltori italiani si stanno lanciando all’arrembaggio per raggiungere le navi che stanno scaricando in queste ore mais, soia e grano provenienti dall’estero e difendere il Made in Italy alimentare, dal campo alla tavola. “Sono già salpati dal Porto di Bari dove ad attenderli ci sono già centinaia di produttori arrivati per salvare il granaio Italia che rischia di scomparire” riferisce la Coldiretti.

“Sotto attacco -spiega la confederazione degli imprenditori agricoli- è lo sbarco di grano straniero destinata alla produzione di pane e pasta senza alcuna indicazione in etichetta sulla reale provenienza, con l’inganno dei consumatori e la concorrenza sleale nei confronti dei produttori italiani impegnati a garantire qualità e sicurezza dei raccolti”.

“Almeno un pacco di pasta su due contiene grano straniero ma l’etichetta non lo dice” denunciano gli agricoltori italiani che mettono “sotto accusa le politiche dell’Unione Europea che non prevedono l’obbligo di indicare la provenienza del grano impiegato”.  ADNKRONOS

In 6 mesi (da luglio 2015 – gennaio 2016) sono state scaricate a Bari 891mila tonnellate di grano, che hanno causato – secondo Coldiretti – la conseguente drastica riduzione del 25% del prezzo del grano pugliese, passato nello stesso periodo da 34 euro a 25,8 euro al quintale.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -