Uccide un uomo a pugni e incolpa il figlio di 10 anni: Rom condannato

 

arresto-carabinieriTeneva il figlioletto per mano, mentre raccontava ai carabinieri che quel bimbo di 10 anni aveva fatto una stupidaggine. «Ha spinto uno che è caduto e ha sbattuto la testa, non l’ha fatto apposta» ha detto il padre. Quell’uomo, rovinando in terra, era prima finito in coma irreversibile e poi era morto. Il racconto di Elvis Manuel Rossi, 42 anni, rom, era una menzogna: la vittima, un bosniaco di 57 anni, era stata massacrata di botte all’interno del campo nomadi di via Luigi Candoni, alla Magliana. E il colpevole dell’aggressione, tentava di scaricare la responsabilità su un bambino, non imputabile.

Non ci è riuscito: Rossi è stato arrestato e processato per omicidio volontario. Al termine di un procedimento condotto con rito abbreviato, il gup Maddalena Cipriani ha condannato l’imputato a 18 anni di carcere.

I FATTI  sul Messaggero  >>>



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -