Iraq, nei villaggi fantasma i cristiani tornano solo per seppellire i loro morti


Riccardo Bicicchi /Corriere TV

«Qui non c’è più nessuno, non c’è pace neanche per i morti«, dice uno dei ragazzi che assistono al funerale, «ma non lasciamo che i terroristi ci tolgano anche il diritto di far riposare i nostri cari nel villaggio dove sono nati».

Adel faceva l’insegnante, ha dovuto abbandonare tutto per mettersi in salvo con la famiglia, allarga le braccia sconsolato in mezzo ad una strada completamente vuota. «E’ una città di fantasmi». A nord di Mosul, in una fascia profonda alcuni chilometri lungo il fronte, i villaggi sono stati completamente abbandonati, per via dei continui bombardamenti da parte delle milizie dell’Isis che martellano le posizioni dei Peshmerga schierati a difesa.

«Abbiamo dovuto impedire alla gente di venire qui», dice il Generale Tariq Hreinne, al comando di una vasta area del fronte, «arrivano missili in continuazione, è troppo pericoloso». La linea del fronte è a poche centinaia di metri. In un paesaggio surreale di case abbandonate in fretta e furia, le erbacce che già tornano a crescere nelle strade deserte, i militari sono l’unica presenza, a guardia di centri abitati sospesi in una dimensione di oblio.

Dai villaggi cristiani pochi chilometri alle spalle del fronte, appena fuori dalla portata delle artiglierie, dove la popolazione è sfollata, quando muore qualcuno un corteo improvvisato si dirige verso il cimitero di Tels’kuf, l’ultimo paese prima delle linee, per celebrare con padre Aram l’antico rito funebre della Chiesa caldea. Un breve ritorno nella città dei fantasmi, sotto la protezione dei Peshmerga che pattugliano la zona, in un silenzio irreale nel cimitero bombardato risuonano i canti in aramaico, la gente passa ancora una volta per un attimo davanti alla propria casa abbandonata ormai dall’estate di due anni fa, bisogna fare in fretta, nessuno sa quando cadrà la prossima bomba.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -