Altri due casi di meningite in Toscana

Non si ferma la diffusione di nuovi casi di meningite in Toscana. La Asl ha dato la notizia di due nuovi casi, sempre di tipo C. Uno si registra a Firenze e uno a Prato.

FIRENZE, 4 FEB – Un nuovo caso di meningite di tipo C in Toscana: ad essere colpita una 22enne americana, ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze, città dove attualmente vive per motivi di studio. Lo rende noto l’Asl spiegando che è già in corso da parte del dipartimento di prevenzione fiorentino l’indagine epidemiologica per risalire ai contatti stretti che dovranno sottoporsi alla profilassi antibiotica. La situazione clinica della giovane, si spiega ancora, è stabile e non presenta particolari complicazioni.

A Prato è invece stato colpito un anziano di 70 anni, arrivato ieri in ospedale e ricoverato in rianimazione. In entrambi i casi sono già partite le operazioni di indagine epidemiologica per risalire ai contatti recenti dei due e avviare la profilassi antibiotica.

Sono intanto invece migliorate le condizioni del 23enne, di Bagno a Ripoli (Firenze) ricoverato da domenica scorsa all’ospedale fiorentina di Santa Maria Annunziata, sempre per infezione da meningococco di tipo C. In totale con la studentessa Usa sono nove i casi di meningite verificatisi in Toscana dall’inizio dell’anno: due le persone decedute.

 


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!
IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal
 


 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -