Giulio Regeni scriveva per il Manifesto sotto pseudonimo

 

REGENI_giulioGiulio, il dottorando alla Cambridge University con una laurea conseguita ad Oxford, aveva una forte passione per il Medio Oriente.

Tale da portarlo a scrivere la sua tesi al Cairo ma anche, attraverso il quotidiano Il Manifesto con il quale collaborava, a raccontare il mondo del lavoro e dei sindacati egiziani. Giulio insieme ad un altro ragazzo aveva iniziato a collaborare con il Manifesto diversi mesi fa e firmava – confermano dalla redazione all’Huffpost – con uno pseudonimo. Una scelta dettata “da motivi di incolumità e sicurezza, probabilmente anche per proteggere le sue fonti”. Con la redazione si erano sentiti tramite mail pochi giorni prima di quel maledetto 25 gennaio in cui è sparito.

Aveva inviato un articolo sui sindacati che, per questioni di spazio, non era ancora stato pubblicato (il Manifesto probabilmente lo farà domani).

Sempre dalla redazione del giornale confermano che Giulio si trovava al Cairo esclusivamente per la sua tesi ed aveva iniziato a collaborare spinto dalla sua passione per i temi del lavoro e dei diritti.  IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -