Arabia Saudita, da Starbucks è vietato l’ingresso alle donne

Starbucks-arabia

Ingresso vietato alle donne nello Starbucks di Riad, in Arabia Saudita. Secondo il quotidiano Al Weaam, la polizia religiosa ha denunciato l’assenza nel locale della cosiddetta ‘barriera di genere’ presente in tutti ristoranti del regno e usata per dividere le donne dagli uomini. Per questo ha ordinato alla direzione di non ammettere le donne.

Starbucks-arabia2“Vietato l’accesso alle donne, per favore mandare i vostri autisti a ordinare” recita un cartello affisso all’entrata e stando a quanto riportato oggi dal Daily Mail, una donna a cui è stato impedito di entrare nel locale ha scritto su Twitter: “Starbucks a Riad non mi ha voluto servire solo perchè sono una DONNA e mi ha chiesto di mandare un uomo per ordinare”.

In Arabia saudita le donne non possono guidare e devono avere l’approvazione di un uomo per viaggiare o lavorare. Nei luoghi pubblici come ristoranti, spiagge, parchi di divertimento e banche devono entrare e uscire attraverso ingressi speciali.

In un comunicato l’azienda americana ha dichiarato: “Starbucks in Arabia Saudita rispetta le leggi locali garantendo ingressi separati per le famiglie così come per le persone singole. Tutti i nostri punti vendita forniscono servizi, menù e posti a sedere a uomini, donne e famiglie. Stiamo eseguendo dei lavori nel punto vendita di Jarir, in modo da poter accogliere tutti i clienti nel rispetto delle norme locali”.

today.it


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -