Detenuti stranieri in rivolta: fuoco alla cella e minacce di esplosioni

 

fuoco-incendioUna rivolta senza precedenti. Lunedì sera, quattro immigrati tunisini detenuti al carcere di Canton Monbello a Brescia hanno incendiato una cella, si sono armati di lamette e hanno minacciato di far esplodere una bombola a gas.

La situazione, denunciata dalla CGIL di Brescia, è stata riportata alla normalità grazie alla professionalità degli agenti. Ma si sono vissuti momenti di tensione e panico. Che sarebbero potuti anche sfociare in qualcosa di ben più grave.

Nella serata di lunedì, uno dei tunisini si è barricato in cella dando fuoco ad alcuni oggetti presenti nall’interno. Gli altri tre, invece, nello stesso momento si sono armati con alcune lamette e hanno minacciato di far esplodere una bombola di gas. “Attimi di terrore”, dicono dal sindacato della polizia penitenziaria. “Trambusto, fuoco, fumo, grida di allarme tra tutti i detenuti che temevano che l’incendio si propagasse in tutto l’Istituto, quindi, innescando una reazione a catena tra tutti i ristretti”, spiega in una nota il sindacato.

Solo l’intervento tempestivo delle forze di polizia ha fatto rientrare la rivolta dei tunusini. Ma la situazione al carcere di Canton Mombello continua a preoccupare. Da tempo sono molti quelli che si lamentano della gestione del centro di detenzione. A Mombello il 70% dei detenuti è straniero e gli eventi di tensione si moltiplicano. “È una situazione, ormai, ingestibile – si legge nella nota – sotto i profili della sicurezza, dell’ordine e della disciplina, non vengono intrapresi seri provvedimenti disciplinari nei confronti di quei detenuti facinorosi e responsabili dei disordini”.  IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -